In Sicilia Sotheby’s vende il castello in cui è stato girato Il Padrino III. Valore 6 milioni

“Esclusivo castello di fine ’800 con parco privato”: con queste parole Italy Sotheby’s International Realty presenta, sul proprio sito web, la vendita di un castello che si trova ad Acireale (in provincia di Catania), appartenuto alla nobile famiglia Pennisi di Floristella e, negli anni Novanta, divenuto celebre per essere stato il set de Il Padrino III, ultimo atto della trilogia diretta da Francis Ford […]

Sotheby's il Castello del Padrino parte III
Sotheby's il Castello del Padrino parte III

“Esclusivo castello di fine ’800 con parco privato”: con queste parole Italy Sotheby’s International Realty presenta, sul proprio sito web, la vendita di un castello che si trova ad Acireale (in provincia di Catania), appartenuto alla nobile famiglia Pennisi di Floristella e, negli anni Novanta, divenuto celebre per essere stato il set de Il Padrino III, ultimo atto della trilogia diretta da Francis Ford Coppola con protagonisti Al Pacino, Diane Keaton, Andy Garcia e Sofia Coppola. In questo castello, inoltre, è stato girato un altro film, Un bellissimo novembre di Mauro Bolognini, interpretato da Gina Lollobrigida. La proprietà, di 4mila metri quadrati, si affaccia su 8.500 metri quadrati di parco, ed è in vendita per 6 milioni di euro.  

CASTELLO PENNISI DI FLORISTELLA AD ACIREALE 

Il castello, in stile neogotico, ha il suo ingresso principale su Piazza Pennisi, dove si apre su un viale alla fine del quale si trova il busto scultoreo in marmo del Barone Pennisi che ha costruito il castello. “Il peculiare prospetto ruotato di circa 55° in senso orario, cattura l’attenzione per la sua bellezza e le sue rilevanti caratteristiche architettoniche”, si legge sul sito di Sotheby’s. “L’elegante drappeggio di merlature guelfe sulla parte sommitale e gli archi ogivali tipici dell’arte gotica gli infondono un’immagine fiabesca. Il complesso si compone di tre edifici congiunti posti su due livelli, con due torri a pianta rettangolare in posizione simmetrica; ai lati delle torri si trovano due corpi ad una sola elevazione, in stile medievale di ispirazione normanna. L’elegante portico a tre arcate spalanca l’accesso alla bellissima scala monumentale di marmo pregiato che si biforca ai lati e conduce al primo piano dove, sulla parete centrale, spicca il ritratto autorevole del Barone. Il soffitto della scala è a cassettoni in legno con l’iniziale del cognome della famiglia e lo stemma gentilizio a motivi alternanti”. Gli appartamenti del primo piano si contraddistinguono per i quadri realizzato da Paul Pennisi, nipote del Barone, e dagli affreschi di Giuseppe Sciuti. 

SOTHEBY’S METTE IN VENDITA CASTELLO PENNISI DI FLORISTELLA 

Il castello ha resistito al terremoto del 1908 e ai bombardamenti della Seconda Guerra Mondiale da parte degli inglesi, il cui intento era quello di colpire l’esercito tedesco che aveva fatto del castello un insediamento logistico e di rappresentanza. Quali potrebbero essere le future destinazioni d’uso di questa imponente proprietà? Un hotel di lusso, una sede di rappresentanza e per eventi o, perché no, una straordinaria residenza privata.  

– Desirée Maida 

www.italy-sothebysrealty.com 

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Desirée Maida
Desirée Maida (Palermo, 1985) ha studiato presso l’Università degli Studi di Palermo, dove nel 2012 ha conseguito la laurea specialistica in Storia dell’Arte. Palermitana doc, appassionata di alchimia e cultura giapponese, approda al mondo dell’arte contemporanea dopo aver condotto studi sulla pittura del Tardo Manierismo meridionale (approfonditi durante un periodo di ricerche presso la Galleria Regionale della Sicilia di Palazzo Abatellis) e sull’architettura medievale siciliana. Ha scritto per testate siciliane e di settore, collaborato con gallerie d’arte e curato mostre di artisti emergenti presso lo Spazio Cannatella di Palermo. Oggi fa parte dello staff di direzione di Artribune e cura per realtà private la comunicazione di progetti artistici e culturali.