La paranza dei bambini, Touch me not, Rex – un cucciolo a palazzo: ecco i film della settimana

Dal libro al film una storia di innocenza e incoscienza; finalmente in sala l’Orso d’Oro della Berlinale 2018; e un cartoon spassoso e beffardo in cui si vedono anche la Regina Elisabetta e il presidente Usa, Donald Trump. I nostri consigli sui film da andare a vedere nel fine settimana

la paranza dei bambini 2
la paranza dei bambini 2

Il cinema italiano nel 2019 si è presentato alla grande. Tanti consensi e ottimi incassi, anche se non per film impegnati. Dalla Berlinale arriva un grande apprezzamento per il nostro paese, sia per i documentari presentati in Panorama sia per l’unico film in Concorso, La paranza dei bambini. Una pellicola che in sala in questi giorni deve fare i conti con film ben targettizati. Film “festival” come Touch me not, che si presenta come una storia terapeutica, e film d’animazione come Rex – Un cucciolo a palazzo che intrattiene i più piccoli ma gioca su una interessante linea politica destinata agli adulti. Qui i consigli cinematografici della settimana.

 LA PARANZA DEI BAMBINI

Accolto benissimo alla 69esima Berlinale e unico film italiano in Concorso, La paranza dei bambini arriva in sala con Vision Distribution. Tratto dall’omonimo libro di Roberto Saviano, il film parla di mancata adolescenza, sostituita dall’educazione al potere e al dio denaro attraverso l’uso di armi da fuoco. Un film con volti giovanissimi, tutti esordienti, magistralmente diretti da Claudio Giovannesi, regista con una idea ben chiara di cinema e che in questo progetto aveva a cuore il non ricadere nella trappola e nelle similitudini di e con Gomorra. La paranza dei bambini è dimostrazione di quanto e come il cinema italiano è capace di raccontare il reale e il popolare e di rendere una storia, se pur ambientata nel centro di Napoli, universale.

TOUCH ME NOT

Vincitore dell’Orso d’Oro 2018 arriva finalmente in sala Touch me not con I Wonder Pictures. Una ricerca sull’intimità attraverso tre personaggi. Una fotografia gelida, bianca, per un racconto sensibile e a tratti sensuale. Per la lavorazione del film ci sono voluti 7 anni e il risultato è un’interessante storia terapeutica che spiega come per avvicinarsi agli altri non serva allontanarsi da noi stessi. I personaggi di Touch me not sono come delle cavie, filmate per mostrare allo spettatore qualcosa che appartiene a tutti: il nostro essere divisi tra essere e apparire. Un film forse più per cinefili che per il grande pubblico.

REX – UN CUCCIOLO A PALAZZO

Un cartone animato ironico, intelligente e politico. Arriva in sala con Eagle Pictures Rex – Un cucciolo a palazzo. Da quando ha fatto il suo ingresso a Buckingham Palace, Rex conduce una vita immersa nel lusso. Dotato di uno spirito da capobranco, ha rimpiazzato il posto dei tre Corgi nel cuore di Sua Maestà. La sua arroganza può risultare alquanto irritante… Ma suo malgrado si trova a essere la causa di un problema diplomatico durante una cena ufficiale con il presidente degli Stati Uniti, e questo errore gli costerà caro: tradito da uno dei suoi colleghi a quattro zampe, Rex diventa uno dei randagi delle strade di Londra. Come potrà mai redimersi? Attraverso l’amore riesce a trovare le risorse necessarie per superare le sue paure e affrontare un grande pericolo… Le vere chicche del film sono la Regina Elisabetta, il Principe Filippo e Donald Trump. Sì, proprio lui!

– Margherita Bordino

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Margherita Bordino
Classe 1989. Calabrese trapiantata a Roma, prima per il giornalismo d’inchiesta e poi per la settima arte. Vive per scrivere e scrive per vivere, se possibile di cinema o politica. Con la valigia in mano tutto l’anno, quasi sempre in giro per il Belpaese tra festival e rassegne cinematografiche o letterarie. Laureata in Letteratura, musica e spettacolo, e Produzione culturale, giornalismo e multimedialità. È giornalista pubblicista e lavora come freelance. Collabora tra gli altri con Cinematographe.it, la Rivista 8 1/2, fa parte della redazione del programma tv Splendor e coordina Cinecittà Luce Video Magazine.

LEAVE A REPLY