Regine e Re di Cuochi alla Palazzina di Caccia di Stupinigi. Da Massimo Bottura a Davide Scabin: gli chef più importanti d’Italia si raccontano in una mostra d’arte

Dopo la scorpacciata di Expo dell’anno scorso, si torna a parlare di cibo o, meglio, di alta cucina e soprattutto di chi la fa. La mostra appena inaugurata alla Palazzina di Caccia di Stupinigi – per terminare il 5 giugno – si chiama, infatti, Regine e Re di Cuochi, perché sono loro i veri protagonisti […]

Dopo la scorpacciata di Expo dell’anno scorso, si torna a parlare di cibo o, meglio, di alta cucina e soprattutto di chi la fa. La mostra appena inaugurata alla Palazzina di Caccia di Stupinigi – per terminare il 5 giugno – si chiama, infatti, Regine e Re di Cuochi, perché sono loro i veri protagonisti – gli chef, scelti tra i migliori in Italia – coinvolti in un progetto pionieristico di edutainment enogastronomico. Dai più mediatici Carlo Cracco e Antonino Cannavacciuolo alla coppia storica della ristorazione piemontese Guido e Lidia Alciati, sono loro a raccontare, attraverso un allestimento multimediale, i momenti salienti della loro esperienza imprenditoriale, e i tempi e i modi della loro produzione che è, in primis, frutto del lavoro di squadra, dalle gerarchie rigidamente strutturate.

LA MOSTRA ANDRÀ POI A SHANGHAI, MOSCA, DUBAI, SAN PAOLO, CHICAGO, SEUL
Il tutto corredato con l’esposizione di immagini fotografiche e materiale documentario (oggetti, menu, attrezzatura da cucina) perché l’impostazione è proprio quella di una mostra d’arte (non per niente a produrla è il gruppo Casiraghi, quello di The Others e un tempo Artissima), che vuole dimostrare come la cucina – quella d’autore – possa avere un valore anche culturale. Questa mostra, nella sua unica tappa italiana qui negli spazi della Citroniera di Levante della Palazzina di Caccia alle porte di Torino, andrà successivamente all’estero, a Shanghai, Mosca, Dubai, San Paolo, Chicago e Seul. Ma, nel frattempo, saranno tanti gli eventi che caratterizzeranno questi mesi di esposizione: dai talk – da segnalare il primo del 22 marzo, quello tra il cuoco italiano più famoso nel mondo Massimo Bottura, il critico d’arte Achille Bonito Oliva e Carlo Benvenuto, uno dei quattro artisti scelti per il progetto Refettorio Ambrosiano aperto in occasione di Expo Milano 2015 – alle presentazioni di libri, fino alle degustazioni, a cura de La Banca del Vino. Ecco la nostra fotogallery dell’inaugurazione…

Claudia Giraud

Dal 15 marzo al 5 giugno 2016
Palazzina di Caccia
Stupinigi (To)
http://www.regineredicuochi.com/

 

 

CONDIVIDI
Claudia Giraud
Nata a Torino, è laureata in storia dell’arte contemporanea presso il Dams di Torino, con una tesi sulla contaminazione culturale nella produzione pittorica degli anni '50 di Piero Ruggeri. Giornalista pubblicista, iscritta all’Albo dal 2006, svolge attività giornalistica per testate multimediali e cartacee di settore. Dal 2011 fa parte dello Staff di Direzione di Artribune (www.artribune.com ), è responsabile dell'area Musica e cura, per il magazine cartaceo, la rubrica musicale "Art Music". E’ stata Caporedattore Eventi presso Exibart (www.exibart.com). Ha maturato esperienze professionali nell'ambito della comunicazione (Ufficio stampa "Castello di Rivoli", "Palazzo Bricherasio", "Emanuela Bernascone") ed in particolare ha lavorato come addetto stampa presso la società di consulenza per l'arte contemporanea "Cantiere48" di Torino. Ha svolto attività di redazione quali coordinamento editoriale, realizzazione e relativa impaginazione degli articoli per l’agenzia di stampa specializzata in italiani all’estero “News Italia Press” di Torino. Ha scritto articoli e approfondimenti per diverse testate specializzate e non (SkyArte, Gambero Rosso, Art Weekly Report e Art Report di Monte dei Paschi di Siena, Exibart, Teknemedia, Graphicus, Espoarte, Corriere dell’Arte, La Piazza, Pagina).