La galleria Studio La Città apre un nuovo spazio temporaneo a Milano sui Navigli, con l’installazione di Jacob Hashimoto

Da Verona a Milano. Studio La Città va a Miart. E fin qui, voi direte… Ma non è in uno stand che incontrerete i galleristi della città di Romeo e Giulietta, quanto in un temporary space che rimarrà aperto anche in concomitanza del Salone del Mobile. Fino al 15 maggio infatti le attività si trasferiscono […]

Da Verona a Milano. Studio La Città va a Miart. E fin qui, voi direte… Ma non è in uno stand che incontrerete i galleristi della città di Romeo e Giulietta, quanto in un temporary space che rimarrà aperto anche in concomitanza del Salone del Mobile. Fino al 15 maggio infatti le attività si trasferiscono in Via Pestalozzi 4, dove viene rilocata anche l’installazione di Jacob Hashimoto Never Comes Tomorrow, già in mostra negli storici ambienti della galleria in Veneto. L’operazione avviene in collaborazione con Doubletrouble95, che oltre a detenere la proprietà degli showroom sui Navigli, ospitando marchi da Borsalino a Nike fino a Fila, per citarne alcuni, ha anche una sede veronese.
E forse da qui nasce il senso dell’operazione congiunta, che mette in una luce diversa l’opera dell’artista americano di origine giapponese. La doppia cultura emerge prepotentemente nella sua ricerca fortemente legata alle pratiche dell’architettura e che a Milano prendono nuova vita confrontandosi con l’ambiente inedito all’arte che la ospita, utilizzando un confronto serrato tra le trasparenze del vetro e la linearità dell’acciaio utilizzato, tra progettazione contemporanea e Arts and Crafts. Ecco qualche immagine dell’installazione nella sua versione veronese e delle opere a parete che saranno in mostra a Milano.

– Santa Nastro

www.studiolacitta.it

 

CONDIVIDI
Santa Nastro
Santa Nastro è nata a Napoli nel 1981. Laureata in Storia dell'Arte presso l'Università di Bologna con una tesi su Francesco Arcangeli, è critico d'arte, giornalista e comunicatore. Attualmente è membro dello staff di direzione di Artribune. È inoltre autore per il progetto arTVision – a live art channel, ufficio stampa per l’American Academy in Rome e Responsabile della Comunicazione della Fondazione Pino Pascali. Dal 2011 collabora con Demanio Marittimo.KM-278 diretto da Pippo Ciorra e Cristiana Colli, con Re_Place, Mu6, L’Aquila e con Arte in Centro. Dal 2006 al 2011 ha collaborato alla realizzazione del Festival dell'Arte Contemporanea di Faenza, diretto da Angela Vettese, Carlos Basualdo e Pier Luigi Sacco. Dal 2005 al 2011 ha collaborato con Exibart nelle sue versioni online e onpaper. Ha pubblicato per Maxim e Fashion Trend, mentre dal 2005 ad oggi ha pubblicato su Il Corriere della Sera, Arte, Alfabeta2, Il Giornale dell'Arte, minima et moralia e saggi testi critici su numerosi cataloghi e pubblicazioni.
  • Eccelente installazione l’Italia di Luciano Fabro