Quei 40 (o 12?) figli di Lucien Freud. Vanno all’asta da Christie’s e Sotheby’s tre rari ritratti di familiari del celebre pittore british

Rari ritratti di familiari di Lucien Freud, che curiosamente si ritrovano all’asta il 10 e l’11 febbraio tra Sotheby’s e Christie’s. Il primo è Pregnat Girl del 1961, che ritrae Bernadine Coverley, allora ancora adolescente, incinta di Belle Freud (oggi lei è affermata stilista di personaggi famosi). Il quadro non era mai andato all’asta e […]

Rari ritratti di familiari di Lucien Freud, che curiosamente si ritrovano all’asta il 10 e l’11 febbraio tra Sotheby’s e Christie’s. Il primo è Pregnat Girl del 1961, che ritrae Bernadine Coverley, allora ancora adolescente, incinta di Belle Freud (oggi lei è affermata stilista di personaggi famosi). Il quadro non era mai andato all’asta e la stima di vendita si aggira tra i 7 e i 10 milioni di sterline, è considerato importante nel corpo dell’opera dell’artista, ed è stato esposto in precedenza alla Hayward Gallery (1974), alla Tate (2003) e alla National Portrait Gallery (2012).
Appena un giorno dopo, invece, Christie’s ha in calendario la vendita della coppia di quadri Head of Esther (1983), che ritrae la figlia di Bernardine Coverley, ed Head of Ib (1983–84), figlia di Suzy Boyt, allieva e amante di lungo periodo dell’artista. Entrambe le figlie avevano allora sui vent’anni. Come è noto Freud era uno sciupafemmine e gli si attribuisce numerosa figliolanza (si parla di 40 figli, compresi tutti gli illeggittimi) di cui 12 accertati. I quadri in questione sono di piccola dimensione, ma risalgono al periodo in cui Freud era all’apice della carriera e insieme a Francis Bacon veniva riconosciuto padre della nuova arte figurativa. Le stime qui si aggirano tra i 2,5 e i 3,5 milioni di sterline: i due dipinti sono apparsi alla National Portrait Gallery di Londra (2012), alla Tate (2002-03) e all’Hirshhorn Museum and Sculpture Garden di Washington, DC (1988).

Federica Polidoro

 

 

CONDIVIDI
Federica Polidoro
Federica Polidoro si laurea in Studi Teorici Storici e Critici sul Cinema e gli Audiovisivi all'Università Roma Tre. Ha diretto per tre anni il Roma Tre Film Festival al Teatro Palladium, selezionando opere provenienti da quattro continenti, coinvolgendo Istituti di Cultura come quello Giapponese e soggiornando a New York per la ricerca di giovani talent sia nel circuito off, che nell'ambito dello studentato NYU Tisch, SVA e NYFA. Ha girato alcuni brevi film di finzione, premiati in festival e concorsi nazionali. Ha firmato la regia di spot, sigle e film di montaggio per festival, mostre, canali televisivi privati e circuiti indipendenti. Sta lavorando ad un videoprogetto editoriale per la casa editrice koreana Chobang. È giornalista pubblicista e negli anni ha collaborato con quotidiani nazionali, magazine e web media come Il Tempo, Inside Art e Il Faro. Ha seguito da corrispondente i principali eventi cinematografici dell'agenda internazionale tra cui Cannes, Venezia, Toronto, Taormina e Roma e i maggiori avvenimenti relativi all'arte contemporanea della Capitale. Attualmente insegna Tecniche di Montaggio all'Accademia di Belle Arti.