Metropolitana di Napoli, la stazione Toledo vince in Svizzera il premio internazionale ITA. Spettacolare e innovativa: una metro che riqualifica un quartiere

ARTE, SERVIZI, TECNOLOGIA. TUTTI I MERITI (E I PREMI) DELLA STAZIONE TOLEDO Non smette di collezionare premi, citazioni, menzioni d’onore; e non smette di sedurre fiumi di passanti e viaggiatori. La stazione Toledo della Metropolitana di Napoli, progettata dall’architetto catalano Oscar Tusquets e inaugurata nel 2012 lungo la linea 1, è una tra le più […]

Metropolitana di Napoli, stazione Toledo
Metropolitana di Napoli, stazione Toledo

ARTE, SERVIZI, TECNOLOGIA. TUTTI I MERITI (E I PREMI) DELLA STAZIONE TOLEDO
Non smette di collezionare premi, citazioni, menzioni d’onore; e non smette di sedurre fiumi di passanti e viaggiatori. La stazione Toledo della Metropolitana di Napoli, progettata dall’architetto catalano Oscar Tusquets e inaugurata nel 2012 lungo la linea 1, è una tra le più belle al mondo. La più bella d’Europa, secondo il quotidiano britannico Daily Telegraph e anche secondo un’autorevole classifica della CNN.
E se nel 2013 le veniva conferito l’Emirates Leaf International Award come “Public building of the year”, oggi è arrivato un nuovo importante riconoscimento: a Hagerbach, cittadina nei pressi di Zurigo, le è stato assegnato il premio ITA – International Tunnelling Association, ovvero l’Oscar delle opere in sotterraneo, per la categoria “Uso innovativo degli spazi“. Battendo le città di Gerusalemme e Sidney.

Metropolitana di Napoli, stazione Toledo - mosaici di William Kentridge
Metropolitana di Napoli, stazione Toledo – mosaici di William Kentridge

I meriti riconosciuti riguardano le tecnologie innovative utilizzate nelle fasi di scavo, ma soprattutto l’idea alla base del progetto architettonico: “La stazione Toledo è un esempio unico di museo decentrato”, scrive l’associazione ITA, “che offre una fruizione dinamica delle creazioni degli artisti, dando ai cittadini la possibilità di viaggiare lungo un itinerario artistico aperto”. La spettacolare scenografia pensata nei toni del blu,  del nero e dell’ocra – il mare, la terra e il tufo – dischiude riferimenti al paesaggio e all’architettura locali, procedendo per diversi livelli d’immersione e giocando con la rifrangenza luminosa grazie ai vari interventi musivi: dalle ampie superfici azzurre, affidate alle micro tessere dell’azienda Bisazza, ai mosaici di William Kentridge, con riferimenti ai miti mediterranei, al Vesuvio, all’iconografia napoletana. Perfettamente integrati i light boxe con pannelli lenticolari di Bob Wilson, in cui rivivono le onde del mare.

Metropolitana di Napoli, stazione Toledo - l'installazione di Bob Wilson
Metropolitana di Napoli, stazione Toledo – l’installazione di Bob Wilson

DAI BINARI ALLA PIAZZA. QUANDO UNA METRO RIQUALIFICA UN QUARTIERE
Ma l’accento viene posto da ITA anche sull’accurato lavoro di risistemazione del contesto urbano circostante, dal lungo passaggio sotterraneo che collega le piattaforme pedonali con l’uscita secondaria in Piazzetta Montecalvario, fino alla riqualificazione della piazza stessa, con effetti positivi per gli storici Quartieri Spagnoli. E poi la pedonalizzazione di Via Diaz e via Toledo, con tanto di piantumazione di alberi, arredi urbani in accordo con le installazioni sotterranee, oltre a una statua equestre in acciaio Corten di Kentridge,  Il cavaliere di Toledo, posta proprio all’incrocio fra le due strade.
La stazione Toledo fa parte del circuito delle Stazioni dell’Arte della Metropolitana di Napoli, un progetto ambizioso e precoce, che già nel 1996 veniva ideato dal Comune, per essere poi sostenuto dalla Regione Campania a partire dal 2006.

– Helga Marsala

CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è giornalista, critico d'arte contemporanea e curatore. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Oggi membro dello staff di direzione di Artribune, è responsabile di Artribune Television. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanee. È stata curatore nel 2009 dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico di SACS nel 2013, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura progetti espositivi presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali, specificamente delle ultime generazioni.
  • paola.giannone.560

    La stazione Toledo è incredibilmente bella!