La Brianza prova ad accaparrarsi i visitatori dell’Expo 2015. La rassegna Ville Aperte ritorna con un’edizione speciale. Per promuovere il territorio, tra dimore storiche, parchi e castelli

La Brianza approfitta del viavai di visitatori dell’Expo 2015 ed estende la XIII edizione di Ville Aperte sino al 25 ottobre. Promossa dalla Provincia di Monza e Brianza, la rassegna è parte integrante del progetto Meet Brianza Expo, che Regione Lombardia, Unioncamere Lombardia e Camera di Commercio hanno messo in piedi per finanziare con 1,6 […]

Villa Reale di Monza

La Brianza approfitta del viavai di visitatori dell’Expo 2015 ed estende la XIII edizione di Ville Aperte sino al 25 ottobre. Promossa dalla Provincia di Monza e Brianza, la rassegna è parte integrante del progetto Meet Brianza Expo, che Regione Lombardia, Unioncamere Lombardia e Camera di Commercio hanno messo in piedi per finanziare con 1,6 milioni di euro la valorizzazione del territorio e delle sue risorse ambientali, artigianali e culturali, durante il periodo di Expo 2015.
Dal 20 settembre, aperture straordinarie, visite guidate, itinerari storico-artistici, spettacoli teatrali, musicali e di danza si alterneranno in 140 luoghi, tra ville, dimore storiche ma anche musei, chiese, palazzi e parchi.
Cosa ci sarà da vedere? La Villa Reale di Monza, con gli appartamenti privati di Umberto I e della Regina Margherita e il mobilio originale ricollocato di recente; la Quadreria dell’Azienda ospedaliera dell’Ospedale San Gerardo di Monza, con ritratti settecenteschi dei suoi cittadini più illustri. E poi, ancora, il Castello Visconteo di Trezzo sull’Adda, che si erge dai tempi di Federico Barbarossa; l’Orto Botanico di Valmadrera con 450 specie di piante officinali e aromatiche e la Villa Bagatti Valsecchi a Varedo, dove sarà visitabile la mostra ExpoArteItaliana curata da Vittorio Sgarbi.
Questa special edition è la prova della grande capacità della Brianza di fare squadra – spiega il presidente della Provincia di Monza e Brianza, Gigi Pontie della Provincia di saper mantenere la governance delle migliori risorse del territorio. L’edizione speciale di quest’anno porta qui in Brianza finanziamenti complessivi per circa 930mila euro: un importo considerevole che consente da un lato alla Provincia di gestire la kermesse senza attingere da propri fondi e dall’altro di capitalizzare il knowhow già maturato nelle passate edizioni, con l’obiettivo di valorizzare al meglio le tante eccellenze del territorio, producendo un indotto economico di grande rilievo”.

Marta Pettinau

Ville Aperte in Brianza 2015
Dal 20 settembre al 25 ottobre 2015
www.villeaperte.info

CONDIVIDI
Marta Pettinau
Marta Pettinau nasce ad Alghero nel 1984, dove al momento vive e lavora. Ma con la valigia in mano. Laureata a Sassari in Scienze dei Beni Culturali, ha conseguito nel 2011 la laurea specialistica in Progettazione e Produzione delle Arti Visive presso lo IUAV di Venezia, con una tesi dal titolo “La Biennale Internazionale di Istanbul. Storia, luoghi, esiti di una biennale post-periferica”. Co-curatrice del progetto RI-CREAZIONE per 1:1projects, a Roma, nel 2009; nello stesso ha curato la collettiva Verso Itaca presso Metricubi, a Venezia. Ha collaborato con l’ufficio stampa del Festival dell’Arte Contemporanea di Faenza. Ora è curatrice indipendente e giornalista freelance.