10mila euro per un’opera di arte urbana. Li mette in palio Cascina, in Toscana. Il bando scade il 14 settembre: ecco tutte le informazioni

Pittori, fotografi, video-artisti, installatori, street-artist, scultori e performer. Selezionati attraverso un bando pubblico con scadenza il 14 settembre. Per fare cosa? Migliorare lo spazio urbano del centro storico di Cascina, provincia di Pisa, proponendo opere site-specific, in forma permanente o temporanea. La lista definitiva degli artisti partecipanti verrà pubblicata il 16 settembre. Una possibilità única […]

Un progetto d'arte pubblica a Cascina

Pittori, fotografi, video-artisti, installatori, street-artist, scultori e performer. Selezionati attraverso un bando pubblico con scadenza il 14 settembre. Per fare cosa? Migliorare lo spazio urbano del centro storico di Cascina, provincia di Pisa, proponendo opere site-specific, in forma permanente o temporanea. La lista definitiva degli artisti partecipanti verrà pubblicata il 16 settembre. Una possibilità única nel suo genere offerta dalla prima edizione di Art-on, il Festival di Arte Pubblica ideato e organizzato dal Progetto Artistico Libertà con il patrocinio del Comune di Cascina darà avvio al museo a cielo aperto, dal 26 al 27 settembre 2015.
Yang Yang Pan, Lucamaleonte, Clet, Lupercales, Camilla Watson, Barbara Oizmud, Luca Font e tanti altri artisti nazionali e internazionali saranno, insieme agli altri partecipanti, oggetto di una prima selezione popolare. In palio un primo premio di ben 10mila euro, uno dei premi più alti d’Italia. Gli artisti avranno a loro disposizione cinque giorni di tempo per realizzare le loro opere, cominciando il 21 settembre, e chi si recherà a Cascina in quei giorni potrà assistere al work in progress.
I lavori prodotti nell’ambito della manifestazione saranno inoltre sottoposti alla valutazione critica di una prestigiosa giuria tecnica composta, tra gli altri, da Paolo Grigò, Alessandro Romanini, Yan Blusseau, Sabina De Gregori e Philippe Daverio, membro onorario e padrino della manifestazione. Il progetto artistico Libertà si deve a Libera Capezzone, la pittrice che ha raffigurato una sarda di 28 metri sul tetto del mercato del pesce di Livorno, edificio monumentale nel quartiere storico della Venezia. A lei si sono stabilmente associate Viola Barbara, Valeria Aretusi, Massimiliano Ferrini e Antonella Sciarra.

Flavia Zarba

Per scaricare il bando

CONDIVIDI
Flavia Zarba
Nata ad Anzio nel 1985, Flavia Zarba è una giovane giornalista laureata in Giurisprudenza presso la Cattolica del Sacro Cuore di Milano. Dopo tanti anni di accurati studi giuridici, inizia la sua esperienza giornalistica lavorando per Romapost magazine online, dove, oltre ad occuparsi di articoli e recensioni, diventa responsabile della sezione arte-cultura-spettacoli. Come curatrice, la sua attenzione si focalizza soprattutto sull'analisi critica degli eventi, senza tralasciare i dettagli e le curiosità biografiche. Attualmente, oltre a collaborare con Artribune e Romapost si occupa di giornalismo investigativo d'inchiesta curando reportage con IRPI, investigative reporting project Italy, una rete di giornalisti freelance di inchieste giornalistiche.