La stagione creativa di Bolzano riparte da Rosengarten Festa. Immagini dall’evento promosso da Franzmagazine, con artisti e architetti all’opera per un quartiere vivibile

Franzmagazine, promotore del progetto, ha chiamato all’appello le realtà creative che gravitano nella zona ibrida (un melting pot di attività diverse, che portano avanti valori condivisi) quale è Rosengarten, chiedendo loro di dialogare con chi quell’angolo di Bolzano lo vive quotidianamente. Rosengarten Festa – di questo si parla – quest’anno fa le veci del genio […]

Franzmagazine, promotore del progetto, ha chiamato all’appello le realtà creative che gravitano nella zona ibrida (un melting pot di attività diverse, che portano avanti valori condivisi) quale è Rosengarten, chiedendo loro di dialogare con chi quell’angolo di Bolzano lo vive quotidianamente. Rosengarten Festa – di questo si parla – quest’anno fa le veci del genio della lampada, per far apparire, davanti agli occhi di una città curiosa, i desideri e le istanze di una cittadinanza attiva e propositiva. ConApparizioni | Erscheinungen le necessità e i (bi)sogni sono stati messi a nudo e, su quelli, una compagine di artisti e architetti (provenienti da tutto il nord Italia) invitati alla Residency di maggio, ha lavorato a creare delle “visioni di mondi im-possibili”, a partire dai cortili nascosti dei condomini, gli spazi sfitti che ritmano le strade, i luoghi di confine che delimitano, spesso solo idealmente, una zona da un’altra. Ed ecco quindi l’apparizione: all’imbrunire, sui palazzi di Rosengarten, compariranno come in un gigantesco caleidoscopio, le immagini che proporranno una rilettura di questi contesti urbani sopiti, per stimolare una riflessione critica sul “ciò che potrebbe essere”, ma ancora non è.
Anche altre apparizioni popoleranno via Latemar che domani 6 settembre ospiterà la Festa dalle 18 fino a mezzanotte: a fianco di attività satellite, 5 I.point mostreranno al pubblico altrettanti progetti, in stato embrionale, nati proprio ascoltando le necessità del quartiere, primo fra tutti il bisogno di sopperire alla mancanza di uno spazio pubblico di aggregazione e socializzazione: un parco giochi pop-up, facile da aprire e spostare; un kit per realizzare la propria festa di condominio; un portale web che identifichi le realtà (commerciali, aziendali) del quartiere in base alle risorse che offrono; un cinema “sensibile” di quartiere, che aggreghi udenti e non udenti; un’azione partecipativa per contrastare l’assenza di sedute pubbliche, alla quale la cittadinanza è invitata. Band e dj ritmeranno Rosengarten Festa per tutta la durata dell’evento.

– Petra Cason

http://franzmagazine.com/rosengarten

 

 

CONDIVIDI
Petra Cason
Laureata in Conservazione dei Beni Culturali e in Storia delle Arti – indirizzo contemporaneo, con una tesi sul design per l’arte interattiva – presso l’Università Ca’ Foscari di Venezia, ha conseguito un master in Conservazione, Gestione e Valorizzazione del Patrimonio Archeologico Industriale presso l’Università di Padova. Da diversi anni si dedica all’arte scrivendo recensioni, organizzando e curando mostre ed eventi come freelance, collaborando con realtà private ed amministrazioni pubbliche, in Italia e all'estero. Dal 2007 è guida alle collezioni permanenti e le mostre temporanee di Palazzo Leoni Montanari – Gallerie d’Italia, Vicenza. Nel 2012 fonda l’associazione culturale Metamorfosi Gallery della quale è presidente. Dal 2013 è libero professionista in qualità di art curator e tiene un blog in cui scrive di esperienze artistiche e curatoriali legate al contemporaneo.