Venezia Updates: tornano le donne di Miu Miu Women’s Tales. Attrici, produttrici, registe, tra proiezioni di corti e incontri per le Giornate degli Autori  

Per il terzo anno consecutivo, nella cornice della Mostra del Cinema di Venezia, prendono il via le iniziative del programma speciale “Miu Miu Women’s Tales”, promosso da noto fashion brand. Ecco allora arrivare due nuovi corti della fortunata serie: Spark and Light di So Yong Kim (rivelatasi con In Between Days e ormai al suo terzo lungometraggio) e, in anteprima mondiale, Somebody di Miranda […]

Spark and Light di So Yong Kim

Per il terzo anno consecutivo, nella cornice della Mostra del Cinema di Venezia, prendono il via le iniziative del programma speciale “Miu Miu Women’s Tales”, promosso da noto fashion brand. Ecco allora arrivare due nuovi corti della fortunata serie: Spark and Light di So Yong Kim (rivelatasi con In Between Days e ormai al suo terzo lungometraggio) e, in anteprima mondiale, Somebody di Miranda July, l’acclamata regista di Me and You and Everyone we Know. Costumi di scena, neanche a dirlo, griffati Miu Miu.
Le autrici dei film incontreranno pubblico e stampa per le conversazioni omonime e i panni del moderatore li vestirà Penny Martin, editor in chief di “The Gentlewoman Magazine”.  Il partner Miu Miu promuove infatti all’interno delle Giornate degli Autori una serie d’incontri d’eccezione a cui interverranno, quest’anno, la produttrice di Brad Pitt (Plan BDede Gardner, le attrici Felicity Jones (The Amazing Spiderman 2 e La teoria del tutto) e  Kate Mara (Transcendence), la regista Alice Rohrwacher e la produttrice e distributrice Ginevra Elkann (Good Film). Chiuderanno infine il programma Lena Dunham (autrice, produttrice e interprete), Jenni Konner (producer insieme alla Dunham della fortunata miniserie Girls) e la produttrice Ilene S. Landress (Mildred Pierce).
Arrivati al terzo anno di questo viaggio nel pianeta donna”, spiega Giorgio Gosetti, direttore dell’evento, “possiamo dire che siamo riusciti in una sfida importante: mettere al centro di un evento mediatico come una grande kermesse cinematografica un momento di riflessione e dialogo tra grandi figure della creatività femminile, mostrando come questa incida un nuovo percorso nella storia dell’arte del XXI secolo“.

 –    Federica Polidoro

 

CONDIVIDI
Federica Polidoro
Federica Polidoro si laurea in Studi Teorici Storici e Critici sul Cinema e gli Audiovisivi all'Università Roma Tre. Ha diretto per tre anni il Roma Tre Film Festival al Teatro Palladium, selezionando opere provenienti da quattro continenti, coinvolgendo Istituti di Cultura come quello Giapponese e soggiornando a New York per la ricerca di giovani talent sia nel circuito off, che nell'ambito dello studentato NYU Tisch, SVA e NYFA. Ha girato alcuni brevi film di finzione, premiati in festival e concorsi nazionali. Ha firmato la regia di spot, sigle e film di montaggio per festival, mostre, canali televisivi privati e circuiti indipendenti. Sta lavorando ad un videoprogetto editoriale per la casa editrice koreana Chobang. È giornalista pubblicista e negli anni ha collaborato con quotidiani nazionali, magazine e web media come Il Tempo, Inside Art e Il Faro. Ha seguito da corrispondente i principali eventi cinematografici dell'agenda internazionale tra cui Cannes, Venezia, Toronto, Taormina e Roma e i maggiori avvenimenti relativi all'arte contemporanea della Capitale. Attualmente insegna Tecniche di Montaggio all'Accademia di Belle Arti.
  • Mandarel

    Beh, allora per i costumi si va sul sicuro… meglio di cosi!