Lo Strillone: cinque quadri con Saatchi che strozza la moglie su La Repubblica. E poi Rotella e Pomodoro a Milano, Louvre restaurato…

  Cinque quadri per ironizzare sulla causa giudiziaria intentata dalla moglie Nigella a Charles Saatchi: su La Repubblica le opere, in vendita sul sito della galleria, che ritraggono il magnate con le mani al collo dell’ex compagna. E c’è chi fa polemica: istigherebbero alla violenza.Il marchio Breguet, in orbita Swatch, sponsor di cultura per i restauri del […]

Quotidiani
Quotidiani

 

Cinque quadri per ironizzare sulla causa giudiziaria intentata dalla moglie Nigella a Charles Saatchi: su La Repubblica le opere, in vendita sul sito della galleria, che ritraggono il magnate con le mani al collo dell’ex compagna. E c’è chi fa polemica: istigherebbero alla violenza.

Il marchio Breguet, in orbita Swatch, sponsor di cultura per i restauri del Grand Louvre: su Il Sole 24Ore c’è anche spazio per i consigli di mercato, con la rivalutazione dell’ultimo periodo di Piero Dorazio. Mimmo Rotella a Palazzo Reale per le recensioni de L’Unità; la presenza e assenza degli scrittori (quelli veri!) nei salotti della tv innesca su Il Giornale la penna dinamitarda di Massimiliano Parente.

La retrospettiva milanese su Giò Pomodoro per l’Elzeviro di Sebastiano Grasso su Corriere della Sera, dove Alberto Arbasino crea paralleli intriganti tra la messa in scena dell’Elektra alla Scala e la mostra su Pontormo e Rosso Fiorentino a Palazzo Strozzi. L’erotismo in strisce di Giovanna Casotto al Museo del Fumetto di Milano e a tutta pagina su Libero

– Lo Strillone di Artribune è Francesco Sala

CONDIVIDI
Francesco Sala è nato un mesetto dopo la vittoria dei mondiali. Quelli fichi contro la Germania: non quelli ai rigori contro la Francia. Lo ha fatto (nascere) a Voghera, il che lo rende compaesano di Alberto Arbasino, del papà di Marinetti e di Valentino (lo stilista). Ha fatto l'aiuto falegname, l'operaio stagionale, il bracciante agricolo, il lavapiatti, il cameriere, il barista, il fattorino delle pizze, lo speaker in radio, l'addetto stampa, il macchinista teatrale, il runner ai concerti. Ha una laurea specialistica in storia dell'arte. Ha fatto un corso di perfezionamento in economia e managment per i beni culturali, così sembra tutto più serio. Ha fatto il giornalista per una televisione locale. Ha condotto un telegiornale che, nel 2010, ha vinto il premio speciale "tg d'oro" della rivista Millecanali - Gruppo 24Ore. Una specie di Telegatto per nerd. E' molto interista.