Quattro Schiele in soffitta. Ritrovare casualmente preziose opere d’arte sconosciute, il sogno di molti: accade a un giovane austriaco

Alla morte del padre, aveva deciso di andare a vivere nella sua casa, con la giovane moglie. Giunto a sgombrare la soffitta, un trentottenne austriaco di Mistelbach – piccolo centro del distretto di Weinviertel, a nord di Vienna – ha posato la sua attenzione su una cartella contenente alcuni disegni e acquerelli. A colpirlo l’inequivocabile […]

Uno degli Schiele ritrovati (foto heute.at)

Alla morte del padre, aveva deciso di andare a vivere nella sua casa, con la giovane moglie. Giunto a sgombrare la soffitta, un trentottenne austriaco di Mistelbach – piccolo centro del distretto di Weinviertel, a nord di Vienna – ha posato la sua attenzione su una cartella contenente alcuni disegni e acquerelli. A colpirlo l’inequivocabile firma di Egon Schiele che appariva con chiarezza almeno su una delle opere (una veduta con una barca a vela, la vedete nella foto sopra).
Sarà certamente una copia, è stato il primo pensiero: però ha voluto vederci chiaro, e alla fine è stato premiato. Le prime analisi sulla cellulosa hanno infatti datato la carta a circa 110 anni fa; e la conferma dell’autenticità delle 4 opere analizzate è arrivata dalla perizia di Jane Kallir, considerata la più grande esperta di Schiele al mondo, condirettore della Galerie St. Etienne a New York e curatrice del catalogo Egon Schiele: The Complete Works. L’opera della foto sarebbe stata realizzata a Trieste, dove l’artista si recò per un periodo con la sorella nel 1907.

CONDIVIDI
Massimo Mattioli
É nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, fra il 1993 e il 1994 ha lavorato a Torino come redattore de “Il Giornale dell'Arte”. Nel 2005 ha pubblicato per Silvia Editrice il libro “Rigando dritto. Piero Dorazio scritti 1945-2004”. Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, fra cui due edizioni della rassegna internazionale di videoarte Agorazein. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Nel 2014 ha curato, assieme a Fabio De Chirico, la mostra Artsiders, presso la Galleria Nazionale dell'Umbria di Perugia. Fa parte dello staff di direzione editoriale di Artribune, come caporedattore delle news.