Arte e cibo, nel nome di Pollock. A Roma lo Sheraton Hotel ospita la tappa del festival Dripping Taste, e la mostra Eating Landscapes: ecco le immagini

Che ci fanno insieme Jackson Pollock, il Radicchio Rosso di Treviso, 3 chef e cinque artisti in trasferta a Roma? Ci fanno Dripping Taste, L’Arte nel Piatto, festival che dopo il successo delle tappe trevigiane approda nella Capitale “per mettere in mostra ancora una volta le eccellenze del territorio in un contesto in cui l’arte […]

Che ci fanno insieme Jackson Pollock, il Radicchio Rosso di Treviso, 3 chef e cinque artisti in trasferta a Roma? Ci fanno Dripping Taste, L’Arte nel Piatto, festival che dopo il successo delle tappe trevigiane approda nella Capitale “per mettere in mostra ancora una volta le eccellenze del territorio in un contesto in cui l’arte e la maestria degli chef diventano un vero e proprio unicum”.
Un omaggio al grande pittore americano dell’Action Painting, che ha come location lo Sheraton Roma Hotel & Conference Center, e come protagonisti – oltre a Radicchio Rosso di Treviso IGP e Variegato di Castelfranco IGP – gli chef trevigiani Carlo Pasina, Nereo Dussin, Roberto Franzin, impegnati – in occasione dell’opening – a 8 mani con lo chef resident Donato Savino. E poi gli artisti Walter Davanzo, Stefano Pravato, Cristiano Menchini, Adriano Valeri e Andrea Grotto, con l’esposizione Eating Landscapes, curata da Chiara Casarin e dedicata alle nuove forme espressive del paesaggio. Mostra visibile fino al 6 gennaio prossimo: noi vi anticipiamo una fotogallery…

www.trevisodrippingtaste.it

CONDIVIDI
Massimo Mattioli
É nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, fra il 1993 e il 1994 ha lavorato a Torino come redattore de “Il Giornale dell'Arte”. Nel 2005 ha pubblicato per Silvia Editrice il libro “Rigando dritto. Piero Dorazio scritti 1945-2004”. Nel 2007 ha curato la costituzione, l’allestimento ed il catalogo del Museo Nino Cordio a Santa Ninfa (Tp). Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, fra cui due edizioni della rassegna internazionale di videoarte Agorazein. Ha collaborato con diverse riviste specializzate, e nel 2008 ha co-fondato il periodico Grandimostre, del quale è stato coordinatore editoriale. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Fa parte dello staff di direzione editoriale di Artribune, come caporedattore delle news.