Lo Strillone: apre a Birmingham e su Italia Oggi la biblioteca più grande d’Europa, forte di un milione di libri. E poi l’inaugurazione di MITO, Jannis Kounellis installa a Trieste, Paul Simonon racconta i suoi Clash…

C’è chi paragona le sue linee, disegnate dallo studio olandese Mecanoo, a quelle di uno store Louis Vuitton: su Italia Oggi ecco quella che viene definita la biblioteca più grande d’Europa, inaugurata a Birmingham dopo otto anni di lavoro e 200milioni di euro. Dieci piani, un milione di libri, archivi che coprono 40 chilometri lineari: […]

Quotidiani
Quotidiani

C’è chi paragona le sue linee, disegnate dallo studio olandese Mecanoo, a quelle di uno store Louis Vuitton: su Italia Oggi ecco quella che viene definita la biblioteca più grande d’Europa, inaugurata a Birmingham dopo otto anni di lavoro e 200milioni di euro. Dieci piani, un milione di libri, archivi che coprono 40 chilometri lineari: un gigante della cultura. Ma sarà davvero “la” più grossa?

Festival vari e variegati: mentre La Stampa annuncia lungo l’asse Milano – Torino l’apertura di MITO, da Mantova arrivano le punture di spillo de Il Giornale. Gli ospiti migliori della rassegna? I trapassati o gli assenti: come Gore Vidal, tra i protagonisti di una sezione di documentari che illumina più degli incontri con gli autori in carne ed ossa.

Avvenire a Trieste insieme a Jannis Kounellis, da sabato al Salone degli Incanti dell’Ex Pescheria. Ve li racconto io, i Clash! I segreti della band svelati, su L’Unità, dall’ex bassista Paul Simonon.

– Lo Strillone di Artribune è Francesco Sala

CONDIVIDI
Francesco Sala è nato un mesetto dopo la vittoria dei mondiali. Quelli fichi contro la Germania: non quelli ai rigori contro la Francia. Lo ha fatto (nascere) a Voghera, il che lo rende compaesano di Alberto Arbasino, del papà di Marinetti e di Valentino (lo stilista). Ha fatto l'aiuto falegname, l'operaio stagionale, il bracciante agricolo, il lavapiatti, il cameriere, il barista, il fattorino delle pizze, lo speaker in radio, l'addetto stampa, il macchinista teatrale, il runner ai concerti. Ha una laurea specialistica in storia dell'arte. Ha fatto un corso di perfezionamento in economia e managment per i beni culturali, così sembra tutto più serio. Ha fatto il giornalista per una televisione locale. Ha condotto un telegiornale che, nel 2010, ha vinto il premio speciale "tg d'oro" della rivista Millecanali - Gruppo 24Ore. Una specie di Telegatto per nerd. E' molto interista.