Viaggi tra le stelle, in Puglia, con la quinta edizione del Festival dei Sensi. Da Italo Rota ad Aldo Busi, passando per Rosemarie Trockel: arte, design, architettura, musica, cibo, tra piccoli comuni e luoghi storici

Chiusura d’estate, in Puglia, nel segno della natura e della conoscenza, tra ascolto e visione: torna, tra il 23 e il 25 agosto, il Festival del Sensi, quinta edizione, organizzato dall’Associazione Iter Itria in collaborazione con l’Università Aldo Moro e il GAL Valle d’Itria. Palinsesto fitto, distribuito fra le tre province di Brindisi, Bari, Taranto, […]

L'antica masseria Mangiato di Martina Franca

Chiusura d’estate, in Puglia, nel segno della natura e della conoscenza, tra ascolto e visione: torna, tra il 23 e il 25 agosto, il Festival del Sensi, quinta edizione, organizzato dall’Associazione Iter Itria in collaborazione con l’Università Aldo Moro e il GAL Valle d’Itria. Palinsesto fitto, distribuito fra le tre province di Brindisi, Bari, Taranto, nei piccoli comuni di Cisternino, Ceglie Messapica, Locorotondo e Martina Franca. Suggestivo il tema di quest’anno, “Il cielo e le stelle”, omaggio all’atmosfera magica delle calde notti pugliesi, in cui le distese di ulivi, le vecchie masserie e i mitologici trulli, le case di calce bianca, i castelli medievali, il mare cristallino e la luce diurna del mediterraneo, scompaiono col calare della sera, diventando presenze d’ombra e di energia sommessa. Si parte da Martina Franca, con la presentazione  di una speciale astronave progettata appositamente dal grande designer Italo Rota, che tra le molte passioni coltiva anche quella per la cosmologia: allestimento realizzato in collaborazione con la NABA di Milano, sotto la guida della nota scenografa Margherita Palli.

L'astronave di Italo Rota - schizzi
L’astronave di Italo Rota – schizzi

Poi al via un ciclo di conferenze e conversazioni itineranti, su cinema, design, influssi lunari e altri racconti legati alla luce e alle stelle: tra gli ospiti il letterato Piero Boitani, che esplorerà paesaggi estrali tra musica e letteratura; la psicoanalista Marina Valcarenghi e il docente di psicologia clinica Giovanni Starace, invitati a discutere intorno al tema del desiderio e degli oggetti nel quotidiano; Alessandro Scafi, docente al Warburg Institute di Londra, che mostrerà la più straordinaria raccolta di raffigurazioni dei paradisi di tutte le epoche e civiltà; Corrado Petrocelli, rettore dell’Università di Bari, per un’immersione storica tra le nozioni astrologiche degli antichi greci e romani; il popolare e raffinato scrittore Aldo Busi, con una libera interpretazione del tema, dal tiolo Il cielo secondo Busi; Ferdinando Scianna, maestro del fotogiornalismo e della fotografia contemporanea, per un un viaggio nella memoria dei sensi; la fotografa Lisetta Carmi, che in anteprima mostrerà il suo ultimo progetto realizzato a Genova, Erotismo e autoritarismo al Cimitero di Staglieno.
E poi ancora arte contemporanea, con un video di Rosemarie Trockel, racconto visivo di un coreografico stormo di rondini in volo; la mostra “Architetture siderali” al Castello Ducale di Ceglie Messapica, il concerto di campane con letture a Locorotondo e l’esibizione del Blackshape Prime, vincitore del premio Flieger Magazine Award 2013 per il miglior aereo del mondo.
Infine spazio a cibo e botanica, con i percorsi storici, naturalistici e gastronomici sulle mandorle, e un incontro di taglio etico con Don Ciotti, fondatore di Libera, e Lucio Cavazzoni, presidente del consorzio Alce Nero: agricoltori e apicoltori biologici, per promuovere un’agricoltura rispettosa della terra.

www.festivaldeisensi.it

CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è critico d'arte, giornalista, notista culturale e curatore. Insegna all'Accademia di Belle Arti di Roma. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Nel 2011 è nel gruppo che progetta e lancia la piattaforma Artribune, dove ancora oggi lavora come autore e membro dello staff di direzione. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanea. Scrive di arti visive, arte pubblica e arte urbana, politica, costume, comunicazione, attualità, moda, musica e linguaggi creativi contemporanei. È stata curatore dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura mostre e progetti presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali.