Lo Strillone: caos Roma su L’Unità, tra archeologi al minimo sindacale e foschi appetiti dei privati. E poi il Caravaggio conteso tra Prato e Vicenza, Marc Quinn a Venezia, la Biennale secondo Alberto Arbasino…

Archeologi sottopagati, i flop dell’era Alemanno, le golosità dei privati in vista dei nuovi bandi per la gestione del Teatro Marcello e di altre zone calde della Capitale. Cronache da una Roma assediata dai nuovi barbari su L’Unità: la firma, autorevole, è di Vittorio Emiliani. La cultura “di sinistra” ha perso, ma quella di destra […]

Quotidiani
Quotidiani

Archeologi sottopagati, i flop dell’era Alemanno, le golosità dei privati in vista dei nuovi bandi per la gestione del Teatro Marcello e di altre zone calde della Capitale. Cronache da una Roma assediata dai nuovi barbari su L’Unità: la firma, autorevole, è di Vittorio Emiliani. La cultura “di sinistra” ha perso, ma quella di destra non ha vinto per niente:  Il Giornale accoglie le riflessioni di Marcello Veneziani su intellighenzia e dintorni.

Ridateci Caravaggio! E pure Lippi e Bellini! Richiamo in prima sul Corriere della Sera per il braccio di ferro tra la città di Prato e la Banca Popolare di Vicenza, che non vuole restituire le tre tele prese in prestito dalle collezioni della Cassa di Risparmio della città toscana.

Parla di “surrealismo naif”: Alberto Arbasino commenta a tutta pagina, su La Repubblica, il Palazzo Enciclopedico di Massimiliano Gioni. A Venezia anche La Stampa per la recensione alla personale di Marc Quinn. Portate i bambini a Città di Castello e fate vedere loro le meraviglie di Alberto Burri: l’invito, firmato Tomaso Montanari, arriva dalle colonne de Il Fatto Quotidiano.

– Lo Strillone di Artribune è Francesco Sala

CONDIVIDI
Francesco Sala è nato un mesetto dopo la vittoria dei mondiali. Quelli fichi contro la Germania: non quelli ai rigori contro la Francia. Lo ha fatto (nascere) a Voghera, il che lo rende compaesano di Alberto Arbasino, del papà di Marinetti e di Valentino (lo stilista). Ha fatto l'aiuto falegname, l'operaio stagionale, il bracciante agricolo, il lavapiatti, il cameriere, il barista, il fattorino delle pizze, lo speaker in radio, l'addetto stampa, il macchinista teatrale, il runner ai concerti. Ha una laurea specialistica in storia dell'arte. Ha fatto un corso di perfezionamento in economia e managment per i beni culturali, così sembra tutto più serio. Ha fatto il giornalista per una televisione locale. Ha condotto un telegiornale che, nel 2010, ha vinto il premio speciale "tg d'oro" della rivista Millecanali - Gruppo 24Ore. Una specie di Telegatto per nerd. E' molto interista.