Jeans, massoneria e arte contemporanea. Ingredienti inediti per l’ultimo progetto in arrivo a Los Angeles: griffato Guess…

Sono i jeans il business del momento negli USA, per quanto riguarda il sostegno e la promozione dell’arte contemporanea. Mentre Levi’s – ve l’abbiamo appena raccontato – scommette su Doug Aitken e sul suo progetto itinerante a bordo di un treno d’arte, Guess pensa più in prospettiva ed annuncia un nuovo museo che a Los […]

Il Tempio Massonico di Los Angeles, futuro Museo Guess

Sono i jeans il business del momento negli USA, per quanto riguarda il sostegno e la promozione dell’arte contemporanea. Mentre Levi’s – ve l’abbiamo appena raccontato – scommette su Doug Aitken e sul suo progetto itinerante a bordo di un treno d’arte, Guess pensa più in prospettiva ed annuncia un nuovo museo che a Los Angeles accoglierà la collezione dei fondatori Maurice e Paul Marciano.
Ma è nella scelta della location che la griffe di culto per il fashion giovane inserisce un elemento di eclettismo inedito: non un comune edificio esistente, non un megaprogetto affidato a qualche archistar di grido, ma un tempio. In particolare, il Tempio della Loggia Massonica di Rito Scozzese, splendido edificio storico di Wilshire Boulevard acquistato per 8 milioni di dollari dalla Maurice e Paul Marciano Art Foundation. Inserito dalla rivista Artnews nella classifica dei primi 200 collezionisti al mondo, Maurice Marciano, membro del board del LACMA, ha però recentemente donato al MOCA tre opere per la sua collezione, una scultura di Ruby Sterling e due dipinti di Wade Guyton e Tauba Auerbach.

CONDIVIDI
Massimo Mattioli
É nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, fra il 1993 e il 1994 ha lavorato a Torino come redattore de “Il Giornale dell'Arte”. Nel 2005 ha pubblicato per Silvia Editrice il libro “Rigando dritto. Piero Dorazio scritti 1945-2004”. Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, fra cui due edizioni della rassegna internazionale di videoarte Agorazein. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Nel 2014 ha curato, assieme a Fabio De Chirico, la mostra Artsiders, presso la Galleria Nazionale dell'Umbria di Perugia. Fa parte dello staff di direzione editoriale di Artribune, come caporedattore delle news.
  • biagio antonacci castello

    Ah, però.