Lo Strillone: tutti pazzi per il crowdfunding, su L’Unità ecco come orientarsi nel mondo del finanziamento alla cultura via web. E poi Verdi gangnam style, il restauro di Palazzo Te, pubblico in crescita per le radio italiane…

La questua online tira di brutto: inchiesta su L’Unità per spiegare il fenomeno crowdfunding, in crescita pure in Italia, con il finanziamento di progetti – per lo più culturali – che passa dal tam-tam in rete.  Dove impazza il “Va’, pensiero”: un fondo su Corriere della Sera per la chiamata alle armi della Royal Opera […]

Quotidiani
Quotidiani

La questua online tira di brutto: inchiesta su L’Unità per spiegare il fenomeno crowdfunding, in crescita pure in Italia, con il finanziamento di progetti – per lo più culturali – che passa dal tam-tam in rete.  Dove impazza il “Va’, pensiero”: un fondo su Corriere della Sera per la chiamata alle armi della Royal Opera House di Londra, che chiede ai melomani di tutto il mondo di filmarsi mentre cantano l’aria verdiana. Le performance migliori sono già sul web, base “gangnam style” per il progetto di una nuova opera firmata da Elspeth Brooke.

Lo smog assedia Palazzo Te? Su Quotidiano Nazionale i ritrovati della scienza e della tecnica che salveranno gli affreschi di Giulio Romano; echi caravaggeschi per Serodine in mostra nel Canton Ticino e su La Stampa.

In prima pagina su Il Fatto Quotidiano la straordinaria vitalità della radio, che a dispetto dei suoi quasi 120 anni continua a tenere botta. Aumentando gli ascoltatori: quasi il 4% in più nell’ultimo anno. Chi invece non e l’ha fatta è una miriade di stati e staterelli rimasti ormai solo sui libri di Storia: ponderoso il saggio di Norman Davies, uscito per ora solo sul mercato anglosassone, che indaga la sorte di Prussia, Borgogna, Aragona e dintorni. Anteprima su La Repubblica.

– Lo Strillone di Artribune è Francesco Sala

CONDIVIDI
Francesco Sala è nato un mesetto dopo la vittoria dei mondiali. Quelli fichi contro la Germania: non quelli ai rigori contro la Francia. Lo ha fatto (nascere) a Voghera, il che lo rende compaesano di Alberto Arbasino, del papà di Marinetti e di Valentino (lo stilista). Ha fatto l'aiuto falegname, l'operaio stagionale, il bracciante agricolo, il lavapiatti, il cameriere, il barista, il fattorino delle pizze, lo speaker in radio, l'addetto stampa, il macchinista teatrale, il runner ai concerti. Ha una laurea specialistica in storia dell'arte. Ha fatto un corso di perfezionamento in economia e managment per i beni culturali, così sembra tutto più serio. Ha fatto il giornalista per una televisione locale. Ha condotto un telegiornale che, nel 2010, ha vinto il premio speciale "tg d'oro" della rivista Millecanali - Gruppo 24Ore. Una specie di Telegatto per nerd. E' molto interista.