Art Digest: Schjeldahl Vs Saltz, la critica che impugna il fioretto. Se demolisco, i Picasso dove li metto? 83 milioni di dollari farlocchi, Mr Wang non paga il vaso da record

“Una splendida rassegna storica” (Peter Schjeldahl). No, “La storia scritta solo dai vincitori” (Jerry Saltz). Rispolverando tenzoni d’altri tempi, i due mitici critici newyorkesi, rispettivamente del New Yorker e del New York Magazine, si accapigliano sull’ultima mostra del MoMA… (artfagcity.com) Che fare se devi demolire un edificio che dentro ha cinque murales di un grandissimo […]

Uno dei murales di Picasso a Oslo

Una splendida rassegna storica” (Peter Schjeldahl). No, “La storia scritta solo dai vincitori” (Jerry Saltz). Rispolverando tenzoni d’altri tempi, i due mitici critici newyorkesi, rispettivamente del New Yorker e del New York Magazine, si accapigliano sull’ultima mostra del MoMA… (artfagcity.com)

Che fare se devi demolire un edificio che dentro ha cinque murales di un grandissimo artista? Il problema dilania Oslo, perché gli edifici governativi danneggiati dagli attentati del 2011 ospitano le opere realizzate da Pablo Picasso tra la fine degli anni ‘50 ei primi anni ’70… (theartworlddaily.com)

Facile comprare un vaso cinese per il record di 83 milioni di dollari, se poi non lo paghi. È accaduto con l’opera venduta a Londra più di due anni fa, ma mai pagata dal collezionista di Pechino Wang Yaohui. Ora i proprietari l’hanno venduto per meno della metà… (nytimes.com)

È uscito dalla porta? Rientri dalla finestra. Sembra risolversi con la collocazione nel Maine State Museum la diatriba attorno al murale di soggetto “operaista”, che il governatore repubblicano Paul LePage aveva rimosso da un edificio pubblico… (artdaily.org)

CONDIVIDI
Massimo Mattioli
É nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, fra il 1993 e il 1994 ha lavorato a Torino come redattore de “Il Giornale dell'Arte”. Nel 2005 ha pubblicato per Silvia Editrice il libro “Rigando dritto. Piero Dorazio scritti 1945-2004”. Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, fra cui due edizioni della rassegna internazionale di videoarte Agorazein. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Nel 2014 ha curato, assieme a Fabio De Chirico, la mostra Artsiders, presso la Galleria Nazionale dell'Umbria di Perugia. Dal 2011 al 2017 ha fatto parte dello staff di direzione editoriale di Artribune, come caporedattore delle news.