Trasversalità della critica, ecco i i dieci critici selezionati per le residenze dell’Accademia Dello Scompiglio. Che intanto apparecchia una due-giorni “performatica”…

Una residenza rivolta a giovani critici di arti visive, teatro, danza, performance, letteratura, cinema e musica, ideata “per stimolare una critica trasversale in grado di analizzare e riflettere sui diversi ambiti dell’arte contemporanea, scompigliando qualunque settorialismo nel dibattito attuale”. Così si presenta Trasversalità della critica, il secondo progetto – dopo il seminario Incontri d’Armonia, con […]

Una residenza rivolta a giovani critici di arti visive, teatro, danza, performance, letteratura, cinema e musica, ideata “per stimolare una critica trasversale in grado di analizzare e riflettere sui diversi ambiti dell’arte contemporanea, scompigliando qualunque settorialismo nel dibattito attuale”. Così si presenta Trasversalità della critica, il secondo progetto – dopo il seminario Incontri d’Armonia, con Alfredo Pirri – proposto in Toscana dalla Tenuta Dello Scompiglio sotto la direzione artistica di Angel Moya Garcia e Cecilia Bertoni.
Nelle due settimane di residenza, che si svolgerà nella nel periodo compresso tra il 14 e il 28 settembre 2012, oltre a diverse visite esterne alla Tenuta presso musei, gallerie, teatri o festival, si terranno alcuni incontri con diversi ospiti e si svolgeranno sessioni di Feldenkrais. I dieci candidati selezionati sono Pablo Allepuz, Caterina Benvegnù, Giulia Bini, Luigi Coluccio, Guia Cortassa, Giulia De Monte, Eugenia Delfini, Massimo Maiorino, Eleonora Minna, Loretta Morelli.
Intanto le attività del brillante centro lucchese non accennano a rallentamenti estivi: è il momento di 3 Atti in Movimento, itinerario performatico (è scritto proprio così…) che per due giorni – sabato 23 e domenica 24 giugno – vede in azione Collectif Impatience con About Frames, Progetto Brockenhaus con Pasoliniana, Claudia Catarzi e Davide Sportelli con Due.

www.delloscompiglio.org