Primavera? No, quella di Spoleto è una Secondavera. Sette artisti per il nuovo ciclo di mostre di Palazzo Collicola, ecco la fotogallery dall’opening

“Voglio creare una dimensione riconoscibile del museo, non seguendo passivamente le tendenze dell’art system, ma proponendo figure da sostenere, lanciare o riscoprire, il tutto su una base di maturità e rigore progettuale, che si tratti di giovani autori o di figure con lunghi trascorsi”. Così il direttore Gianluca Marziani sintetizza la sua linea curatoriale nella […]

Palazzo Collicola

Voglio creare una dimensione riconoscibile del museo, non seguendo passivamente le tendenze dell’art system, ma proponendo figure da sostenere, lanciare o riscoprire, il tutto su una base di maturità e rigore progettuale, che si tratti di giovani autori o di figure con lunghi trascorsi”. Così il direttore Gianluca Marziani sintetizza la sua linea curatoriale nella programmazione di Palazzo Collicola Arti Visive, il museo umbro che ha inaugurato oggi – 22 aprile – la sua stagione primaverile, titolo Secondavera.
Ampia e diversificata come sempre la proposta, con quattro esposizioni personali – protagonisti Fabrizio Campanella, EPVS, Walter Gasperoni e Carlo Moggia, che terranno banco fino a Spoleto al 3 giugno – e con la presentazione di tre nuovi interventi site specific. Il progetto si chiama Collicola on the Wall, e stavolta sui muri del palazzo si sono messi all’opera Luca Barcellona, Danilo Bucchi e Alberto di Fabio. Tanta carne al fuoco, difficile in questa sede dire molto: la parola come al solito la lasciamo per ora alla ricca galleria fotografica…

www.palazzocollicola.it

  • roberthughes

    Si salvano appena appena Di Fabio e Bucchi, il resto pare un magazzino di invenduti di Telemarket. Poi uno si domanda perchè chiudono i centri d’arte in Italia???