Si chiama Delloro, e brilla nella notte berlinese. Alla galleria Made in Italy impazza il concerto di Martin Creed, ecco le foto di Artribune

Durante la recentissima art week madrilena, ha monopolizzato l’attenzione di tutti con una serata dell’off-Arco organizzata al Matadero. Ora capita di ritrovarcelo tra luci ed altri suoni alla sede berlinese della galleria Delloro, nel distretto di Kreuzberg. Di chi parliamo? Di Martin Creed, protagonista con la sua Band di un concerto che è un’orgia di […]

Durante la recentissima art week madrilena, ha monopolizzato l’attenzione di tutti con una serata dell’off-Arco organizzata al Matadero. Ora capita di ritrovarcelo tra luci ed altri suoni alla sede berlinese della galleria Delloro, nel distretto di Kreuzberg. Di chi parliamo? Di Martin Creed, protagonista con la sua Band di un concerto che è un’orgia di sensazioni virtuose. Creed prova per una mezz’ora e oltre, poi si apparta per riapparire sorridente e disponibile, divertito da un’incursione in un luogo differente, dalla fauna fascinosa ed irrisolta dell’arte contemporanea che conosce così bene e che forse gli somiglia.
Saluta, si offre dinoccolato e riccissimo agli obiettivi e dopo aver allacciato la sua chitarra ad almeno dieci prese differenti si schernisce per il tedesco mancato nonostante le origini materne germaniche. Poi tutto stride, con armonia assoluta. Noi c’eravamo, eccovi qualche scatto della serata…

– Martina Cavallarin

CONDIVIDI
Martina Cavallarin
Martina Cavallarin, Venezia, 17-12-1966. Critica e curatrice, si occupa di arti visive contemporanee. Il suo sguardo spazia tra differenti linguaggi e necessarie contaminazioni. Il senso è quello di esplorare direzioni e talenti dell’arte che va dalla pittura alla fotografia, dal video alla scultura e all’installazione. Critica e curatrice all’interno della Project Room al MART di Trento e Rovereto 2008. Professore a progetto 2010 presso il Politecnico di Milano, dipartimento di design e architettura. Presidente e direttrice artistica dell’Associazione di Promozione Sociale scatolabianca. È curatrice di EcoArt Project, piattaforma di Green Art. Nel 2008 è co-curator e critica nel progetto La Sostenibile Leggerezza dell'Essere – La Metafora dello Spazio. Den Raum beleben a cura di Lorand Hegyi, Evento collaterale nell’ambito della 11a Mostra Internazionale Architettura “Out There: Architecture Beyond Building” Nel giugno 2009 è curatrice della mostra Sant’Elena-La seduzione nel segno (Richard Nonas) Evento Collaterale della 53° Esposizione Internazionale d’Arte – la biennale di Venezia, e della mostra personale di Fabio Mauri, Fabio Mauri, etc… alla galleria Michela Rizzo di Venezia. Curatrice di un progetto internazionale al Gaya Art Space di Bali, Indonesia, luglio e agosto 2010. Nel settembre 2010 è curatrice della mostra The Belly of an Architect, Collateral of People meet in architecture – 12° Mostra Internazionale di Architettura di Venezia - diretta da Kazuyo Sejima. Nel 2011 è curatrice della mostra di Nanni Balestrini - Bastacani - alla galleria Michela Rizzo di Venezia. A giugno è curatrice di Round the Clock, Spazio Thetis, Arsenale Novissimo, Evento Collaterale della 54° Esposizione Internazionale d’Arte - la biennale di Venezia, ILLUMInation. A ottobre è curatrice della mostra Personality (Lawrence Carroll, Tony Cragg, Roberto De Pol, Richard Nonas, Mariateresa Sartori, Eric Winarto) e ORIGINAL RIELLO. Collabora con diverse riviste tra le quali Il Giornale dell’Arte (Veneto e Lombardia), Mood – di cui è stata la responsabile per il settore arte – ToGetAir, Arte, Il Progetto, Segno, Artestetica, alfabeta2, Artribune. Il suo primo libro, I Segni di Milano, è edito da Mazzotta.
  • mario

    la serata in verità non è stata niente di speciale; sembrava più un moscio festino per l’inaugurazione del nuovo spazio espositivo della galleria.

    • V

      La musica eccezionale di Martin Creed e un’atmosfera unica. La galleria Delloro ha portato a Berlino un grandissimo come non se ne vedono facilmente in giro… quindi tanto di cappello!! Loro sono giovani, bravissimi e lo spazio è davvero figo….
      Buon lavoro ragazzi, continuate così!!!

    • Livia De Ozanam

      Moscia non direi proprio, il Live è stato travolgente, Martin Creed genio indiscutibile, e poi c’era davvero mezza Berlino…

      • mario

        sarà, ma sinceramente non ho visto un gran coinvolgimento del pubblico. Anche io trovo Creed un grande, ma non vuol dire che venga sempre tutto bene. più che mezza berlino c’era mezza Italia, ma va da sè…cmq auguri alla Delloro naturalmente e complimenti per il nuovo spazio!

  • Mark Matterson

    My second live of Martin Creed, Really breathtaking! Can’t forget the unbelivable aftershow with you and the band! Thank you again guys!