Partecipa anche Antoni Muntadas. Il grande artista spagnolo a Bologna per battezzare il progetto Ælia Media di Pablo Helguera

Entra nel vivo a Bologna il progetto Ælia Media, dall’artista Pablo Helguera, vincitore della prima edizione del Premio Internazionale di Arte Partecipativa, che si avvia al suo momento centrale con una serie di nuovi appuntamenti e collaborazioni a livello locale, nazionale e internazionale. Il progetto coinvolge dallo scorso giugno un gruppo di 20 giovani operatori […]

Pablo Helguera

Entra nel vivo a Bologna il progetto Ælia Media, dall’artista Pablo Helguera, vincitore della prima edizione del Premio Internazionale di Arte Partecipativa, che si avvia al suo momento centrale con una serie di nuovi appuntamenti e collaborazioni a livello locale, nazionale e internazionale. Il progetto coinvolge dallo scorso giugno un gruppo di 20 giovani operatori culturali, attivi a Bologna in diversi ambiti della creatività contemporanea, dalle arti visive a quelle performative, con l’obbiettivo di strutturare un broadcasting center, una stazione radio mobile che trasmetterà dal centro di Bologna a partire dal 15 ottobre per tre settimane.
E quasi a battezzare Ælia Media, le cui prove generali si svolgeranno dal 6 al 10 ottobre nell’ambito di Independents, lo spazio dedicato alle nuove esperienze creative indipendenti curato da Cristiano Seganfreddo nell’ambito della fiera ArtVerona, arrivano – nella sede di Villa delle Rose, messa a disposizione dal MAMbo – due incontri con altrettanti protagonisti della scena contemporanea. Il 3 ottobre – alle 19 – appuntamento con lo spagnolo Antoni Muntadas – molti ricorderanno il suo padiglione nazionale alla Biennale di Venezia del 2005 -, mentre il giorno successivo, stessa ora, spazio allo sloveno Miran Mohar, del collettivo Irwin.

www.artepartecipativa.it