La classe non è acqua. La scuola, Warhol, gli esami di maturità, tutto curiosamente anticipato da una mostra alla GAMeC di Bergamo

A farcelo notare è lo stesso direttore Giacinto Di Pietrantonio: “La notizia non è il titolo del tema ‘In futuro ognuno sarà famoso per 15 minuti’, ma il fatto che alla maturità abbiano dato come tema Andy Warhol, e ciò risponde forse più tante altre cose all’eterna domanda su a cosa serva l’arte contemporanea, a […]

Una veduta della mostra alla GAMeC (Foto Jacopo Menzani)

A farcelo notare è lo stesso direttore Giacinto Di Pietrantonio: “La notizia non è il titolo del tema ‘In futuro ognuno sarà famoso per 15 minuti’, ma il fatto che alla maturità abbiano dato come tema Andy Warhol, e ciò risponde forse più tante altre cose all’eterna domanda su a cosa serva l’arte contemporanea, a cosa servano i musei d’arte contemporanea”, premette.
Il riferimento è agli esami di maturità iniziati ieri in tutta Italia, ed alla traccia per il tema di italiano che prendeva spunto dalla famosa citazione warholiana. Ma quello che ci fa notare il direttore del museo bergamasco è una curiosità che riguarda proprio il museo: “Alla GAMeC avevamo previsto tutto questo, e infatti abbiamo ancora in corso fino al 24 luglio la mostra ‘La classe non è acqua’, un’esposizione  realizzata collaborando con classi di ogni ordine e grado, dalle elementari alle superiori, di scuole bergamasche, dalla quale è emerso il materiale che abbiamo esposto insieme alle opere degli artisti. Nove artisti tra cui – ecco il riferimento più diretto – Warhol, ma anche Beuys con ‘La rivoluzione siamo noi’, e tante altre opere. Una mostra che quindi è stata anche una sorta di esercizio utile  per gli esami di maturità…”.
Il progetto della GAMeC, peraltro, è stato premiato con un finanziamento dalla Comunità Europea, scelto fra 300 domande come unico progetto artistico italiano tra i 15 finalisti finanziati nell’ambito del bando della EACEA (Education, Audiovisual, and Culture Executive, Agency). Il progetto premiato, denominato ARTool-Art as for under standing contemporary changes, è stato ideato da GAMeC in parternariato con altre istituzioni museali europee come il CIAP, Centre International d’Art&du Paysage, Vassivière Island, Francia, la Malmoe Konsthall, Malmoe, Svazia, la Mucsamok Kunsthalle, Budapest, Ungheria.

www.gamec.it

CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.
  • hm

    mi sembra un temino perfetto per luca morsi questo, a cosa servano i musei d’arte contemporanea etc non capisco perchè non lo abbia ancora svolto, è lì che ci si arrovella da anni ormai . dai morsy applicati di più e sintetizza tutto il tuo blog in un unico temino che dopo deeperdantonio te lo corregge .