Per questo film, come pure per il precedente, Giuseppe Tornatore ha scelto un cast ristretto e d’eccellenza. Jeremy Irons (M. Butterfly di D. Cronenberg, 1993, Lolita di Adrian Lyne, 1997, Night Train to Lisbon di Billie August, 2013) e Olga Kurilenko (007: Quantum of Solace di Mark Forster 2008, To The Wonder di Terrence Malick, 2012, A Perfect Day di Fernando Leon de Aranoa, 2015) si inseguono in un amore impossibile diviso dallo spazio-tempo.
Il film ha una trama molto insolita: uno dei protagonisti è una presenza virtuale per tre quarti della pellicola e Olga Kurylenko si trova a dover sostenere lo schermo quasi completamente da sola.
L’attrice interpreta una studentessa di astrofisica innamorata del suo professore. Una serie di eventi allotanano il docente dalla ragazza, che per interagire con lei si vede costretto ad usare alternative tecnologiche. Qualcosa però non funziona: lei riceve i messaggi del professore, ma non riesce a contraccambiare. La presenza quasi ectoplasmatica del professore manda in crisi la ragazza, che intanto continua a morire nel suo doppio cinematografico, infatti per mantenersi fa la stunt woman per film. L’altra sua attività è quella di modella per artisti. Un giorno il calco di gesso in cui è chiusa prende una forma inattesa…

Abbiamo incontrato regista ed interpreti in un esclusivo albergo del centro della capitale. Tornatore ci ha parlato del suo rapporto con l’arte e la tecnologia. I due interpreti principali, invece, di come hanno affrontato difficoltà e limitazioni legate a interpretazioni così diverse dal solito. Nel video l’estratto delle interviste.

– Federica Polidoro

CONDIVIDI
Federica Polidoro
Federica Polidoro si laurea in Studi Teorici Storici e Critici sul Cinema e gli Audiovisivi all'Università Roma Tre. Ha diretto per tre anni il Roma Tre Film Festival al Teatro Palladium, selezionando opere provenienti da quattro continenti, coinvolgendo Istituti di Cultura come quello Giapponese e soggiornando a New York per la ricerca di giovani talent sia nel circuito off, che nell'ambito dello studentato NYU Tisch, SVA e NYFA. Ha girato alcuni brevi film di finzione, premiati in festival e concorsi nazionali. Ha firmato la regia di spot, sigle e film di montaggio per festival, mostre, canali televisivi privati e circuiti indipendenti. Sta lavorando ad un videoprogetto editoriale per la casa editrice koreana Chobang. È giornalista pubblicista e negli anni ha collaborato con quotidiani nazionali, magazine e web media come Il Tempo, Inside Art e Il Faro. Ha seguito da corrispondente i principali eventi cinematografici dell'agenda internazionale tra cui Cannes, Venezia, Toronto, Taormina e Roma e i maggiori avvenimenti relativi all'arte contemporanea della Capitale. Attualmente insegna Tecniche di Montaggio all'Accademia di Belle Arti.