Nutrire il Pianeta, tema scelto per Expo 2015, significa essenzialmente due cose: mangiare sano e rispettare l’ambiente. Da qui infinite declinazioni possibili, tra qualità del cibo, eccellenze gastronomiche locali, precetti nutrizionisti, equa distribuzione delle risolse, battaglie per l’acqua pubblica e contro la fame nel mondo, e ancora scienza, antropologia, economia, tecnologia, gusto, ecologia. Tema immenso. Che ruota intorno al concetto di equilibrio tra uomo e natura.
Ad afferrare e sintetizzare al meglio queste due direttrici principali è la video animazione di Fernando Jurado, vincitrice del concorso internazionale IED Rio + Expo Milano 2015.

L’intero ciclo del confezionamento e del consumo degli alimenti viene raccontato con una grafica efficace, delicata, con gusto vintage e taglio illustrativo, tinte piatte e belle armonie fra luci e ombre, piani geometrici e piccole figure animate: dalla coltivazione nei campi alla distribuzione – rigorosamente a chilometro zero – senza dimenticare di soffermarsi su quella fase, meno considerata, che corrisponde alla raccolta degli scarti, ai margini di ogni mercato. Foglie, gambi, porzioni di verdure e ortaggi scartate e buttate via, insieme ai rifiuti. Ma quanti di questi scarti sono in realtà commestibili? Tanti, forse tutti. Buoni per preparare tantissimi piatti gustosi. Facendo economia, riciclando e non sprecando materie prime. Per un pieno di vitamine, fibre e antiossidanti. Perché niente si butta via e la regola è una sola: usare al meglio il cibo, trattando bene il corpo ed il Pianeta.

Helga Marsala

 

CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è giornalista, critico d'arte contemporanea e curatore. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Oggi membro dello staff di direzione di Artribune, è responsabile di Artribune Television. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanee. È stata curatore nel 2009 dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico di SACS nel 2013, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura progetti espositivi presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali, specificamente delle ultime generazioni.