Dance of Diplomacy è l’evento artistico che Sissa Micheli – artista altoatesina che vive e lavora a Vienna – ha allestito presso la sede dell’Ambasciata d’Italia nella capitale austriaca, per celebrare il bicentenario del famoso Congresso di Vienna (1814-15) a cui partecipò la monarchia di tutta l’Europa. Il video, inviato in esclusiva ad Artribune Television, è un trailer in forma di collage simultaneo, che racchiude i cinque video in cui gli invitati s’imbatteranno, fluttuanti nel vuoto e nella semioscurità, in una sorta di carosello dispiegato lungo un percorso circolare tra le sale della elegante sede diplomatica italiana.

A saturare l’atmosfera, musiche di Haydn suonate dal vivo. Una rievocazione poetica e ironica che allude al motto “il Congresso danza, ma non avanza”, diceria divenuta proverbiale, giacché ben si addiceva a quel consesso di alta diplomazia in cui i monarchi e le loro corti sembravano più attratti agli incontri mondani, che alla risoluzione dei problemi politici tra gli Stati. Curatore dell’evento, patrocinato dall’Ambasciata d’Italia, è Marcello Farabegoli.

Franco  Veremondi

CONDIVIDI
Franco Veremondi
Nato a Perugia, residente a Roma; da alcuni anni vive prevalentemente a Vienna. Ha studiato giurisprudenza, quindi filosofia con indirizzo estetico e ha poi conseguito un perfezionamento in Teoretica (filosofia del tempo) presso l’Università Roma Tre. È giornalista pubblicista dal 1994 occupandosi di arti visive, di architettura e di estetica dei nuovi media. Nell’ambito delle arti ha svolto periodicamente attività curatoriale e didattica. Collabora con quotidiani e riviste di area europea.