Si chiamava Corpus. Arte in azione ed era un programma di performance, curato daAdriana Rispoli ed Eugenio Viola per il Madre, in co-produzione con il Napoli Teatro Festival. La seconda edizione, tenutasi nel giugno 2010, era tutta dedicata al mondo femminile e all’area latinoamericana. Ospiti internazionali, come Tania Bruguera, Regina José Galindo, Maria José Arjona e Teresa Margolles, si alternavano ad altri partenopei, come MaraM. Parole chiave: trasgressione, teatralità, provocazione, rottura del limite. Un viaggio attraverso la dimensione estetica e politica del corpo, trasformato in piattaforma linguistica, territorio psichico, campo d’azione radicale, strumento di protesta ed autoaffermazione. Ma anche di relazione con l’altro: che sia il potere, da contestare e inchiodare al muro; che sia il proprio doppio, da sviscerare; o che sia il pubblico stesso, a cui suggerire input e riflessioni, tra spazio quotidiano e spazio scenico.

Alcuni degli appuntamenti furono documentati da Pietro Menditto, fotografo e film maker: i video di quella stagione sono oggi selezionati per la quarta edizione di Altofest (22-28 settembre 2014), festival di arti performativenato al Napoli nel 2011, su iniziativa di TeatrInGestAzione: un evento partecipato, costruito insieme ai cittadini, che nei loro spazi privati (case, giardini, cantine, botteghe, palestre, ecc.) ospitano gli artisti internazionali ed i loro eventi.
Inquietante, violenta e insieme risolta con una certa grazia formale, la performance della guatemalteca Regina Josè Galindo si svolse nel cortile del Madre. Lei, completamente nuda, esposta al rischio col suo corpo esile, è rannicchiata come un feto dentro una bolla di plexiglass, protetta solo dalla fragile membrana trasparente. Il gioco simbolico e masochistico è quello di offrirsi all’impeto brutale dei suoi aguzzini, sfidando una pioggia di percosse. Così, la quiete del rifugio si spezza, a evocare i soprusi di uno Stato che sfonda gli spazi di libertà dei cittadini, generando il sentimento del terrore.

Sulla stessa lunghezza d’onda – ma con un approccio più intimista – è il lavoro di MaraM, 2/2, un esperimento fatto di disequilibri e di tensioni, con tutta la fatica di cercare il proprio centro, anche a costo di ribaltare orizzonte e prospettiva. L’artista, anche lei nuda, resta appesa a testa in giù al soffitto, mentre l’abito che la copre e la scopre – dividendola in due metà – diventa un bozzolo da cui liberarsi, lentamente. Il racconto di un conflitto interiore, sotto forma di azione statica, tra abbandono apparente ed energia potenziale.

Helga Marsala

CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è critico d'arte, giornalista, notista culturale e curatore. Insegna all'Accademia di Belle Arti di Roma. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Nel 2011 è nel gruppo che progetta e lancia la piattaforma Artribune, dove ancora oggi lavora come autore e membro dello staff di direzione. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanea. Scrive di arti visive, arte pubblica e arte urbana, politica, costume, comunicazione, attualità, moda, musica e linguaggi creativi contemporanei. È stata curatore dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura mostre e progetti presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali.