Leonardo, Vermeer, Munch, Manet. Giganti assoluti, come non li avevate visti mai. Sul grande schermo, nel buio di una sala, ma non in un tradizionale film. Nel corso del 2013 il progetto di Nexo Digital ha portato il pubblico tra i più celebri musei e le migliori pagine di storia dell’arte, grazie a una nuova maniera di intendere il cinema: la casa di distribuzione milanese, in partnership con un network di grossi produttori internazionali, promuove da un lato la digitalizzazione delle sale italiane, proponendo contenuti in alta definizione, e dall’altro sfrutta le nuove tecnologie satellitari per diffondere la pratica del “broadcast” cinematografico, in grado di proiettare concerti, eventi sportivi, manifestazioni, documentari, sempre in diretta e in altissima qualità. Un‘idea che Nexo Digital ha testato anche con l’arte, diffondendo in oltre 1000 sale una serie di preziosi e apprezzatissimi docufilm. E quest’anno si fa il bis. Dal viaggio in 3D tra i Musei Vaticani al Matisse della Tate di Londra, dal ritorno al Mauritshuis dell’Aia de “La ragazza con l’orecchino di perla” di Vermeer, all’appuntamento con Vincent Van Gogh per i 125 anni dalla sua morte, passando per il mito degli Impressionisti.

L’apertura è affidata invece al Museo dell’Hermitage, che celebra il suo 250esimo anniversario. Il prossimo 14 ottobre, prenotandosi in una delle sale del circuito, il pubblico italiano potrà scoprire la storia di uno tra i più strepitosi musei al mondo, nato nel 1764 per volere della zarina Caterina II: fu lei ad acquistare un blocco di 225 dipinti da un mercante berlinese, costituendo così il primo nucleo del futuro Museo di San Pietroburgo, immaginato come un tempio privato di meditazione, non lontano dalla Prospettiva Nevskij, con vista sul fiume Neva. Il regale “eremo” – con i suoi 23 km di gallerie – ha sede all’interno del Palazzo d’Inverno, stupefacente architettura barocca, un tempo residenza degli zar, che vanta il record per la più lunga facciata architettonica al mondo: 500 metri di scintillanti modulazioni verde smeraldo, bianco e oro.

Oggi l’Hermitage conserva oltre 3 milioni di pezzi, fra tele, sculture, gioielli, libri e arredi di pregio, custoditi in spazi sontuosi che traboccano di storia. L’Olimpo dei grandi maestri di sempre è qui: da Caravaggio a Canova, da Botticelli a Tiziano, da Giorgione a Rubens, da Picasso a Matisse, da Cezanne a Renoir… Grazie al film-evento di Nexo Digital perdersi tra i saloni, i corridoi, le scalinate del palazzo, soffermandosi su alcuni dei maggiori capolavori in collezione, diventa un’esperienza possibile. E assolutamente unica. Un solo giorno, per volare fino in Russia sulle frequenze del satellite, a cavallo del grande cinema hi-tech.

Helga Marsala

Info ed elenco sale:
http://www.nexodigital.it/

CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è critico d'arte, giornalista, notista culturale e curatore. Insegna all'Accademia di Belle Arti di Roma. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Nel 2011 è nel gruppo che progetta e lancia la piattaforma Artribune, dove ancora oggi lavora come autore e membro dello staff di direzione. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanea. Scrive di arti visive, arte pubblica e arte urbana, politica, costume, comunicazione, attualità, moda, musica e linguaggi creativi contemporanei. È stata curatore dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura mostre e progetti presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali.