Prima una residenza a Istanbul, presso il Palazzo dell’Ambasciatore d’Italia in Turchia; poi una mostra, curata da Vittorio Urbani e allestita nella Main Hall della Galata Rum Okulu, l’antica Scuola Greca di Galata, oggi tramutata in spazio espositivo, già sede della scorsa Biennale di Istanbul. Così, Flavio Favelli, con questa sua prima personale in Turchia, suggella il suo percorso si ricerca e di soggiorno sostenuto dal ciclo Anteprima, programma  internazionale promosso dall’associazione AlbumArte, giunto alla sua terza edizione.
Diversi i momenti di confronto  tra l’artista, il pubblico e gli addetti ai lavori, messi in cantiere da Anteprima#3. Tra questi, l’appuntamento consumatosi lo scorso 17 maggio, presso il Teatro Casa d’Italia  dell’Istituto Italiano di Cultura, insieme a Cristiana PerrellaPaola Ugolini, Anna Mattirolo, direttrice del MAXXI, Vittorio Urbani e Cristina Cobianchi.

Un’occasione per intavolare una riflessione critica intorno alle suggestioni che animano il lavoro dell’artista e che qui hanno trovato, nel confronto con il territorio, il contesto e la tradizione del luogo, una nuova declinazione: dalla carica emotiva, di cui si nutrono il ricordo e la dimensione intima, alla rassicurante banalità degli stereotipi pop, che disseminano l’immaginario collettivo; dall’attaccamento al mondo borghese, domestico, familiare, inzuppato di nostalgia, alla reiterazione di conflitti sotterranei e di cortocircuiti, legati alla propria storia personale o alle dinamiche sociali; dalla decostruzione di spazi abitativi e oggetti del quotidiano, affettuosamente ripercorsi e accuratamente risiginficati, allo straniamento operato a partire dalle architetture urbane, dalle icone del presente, dagli spazi generati in seno alla società dello spettacolo e alla sua connotazione scenica, pubblicitaria, massificata.
In questo video, che alterna agli interventi alcune immagini della mostra, dal titolo Grape Juice, viene documentata l’intera conversazione: cinquanta minuti di input, riflessioni, appunti critici, connessioni, per dischiudere l’universo creativo ed intellettuale di Flavio Favelli.

Helga Marsala

CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è giornalista, critico d'arte contemporanea e curatore. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Oggi membro dello staff di direzione di Artribune, è responsabile di Artribune Television. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanee. È stata curatore nel 2009 dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico di SACS nel 2013, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura progetti espositivi presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali, specificamente delle ultime generazioni.