Un team di quaranta persone, tra assistenti, truccatori, costumiste, stiratrici, scenografi, modelli e curatori. E un’atmosfera incantata, tra i saloni sfarzosi di un antico castello in Svezia. E poi lei, Alexia Sinclair, mente a anima del progetto, a dirigere la macchina, a controllare ogni dettaglio e soprattutto a guardare da dietro l’obiettivo. Cercando lo scatto migliore. Quello capace di scatenare l’immaginazione e di catapultare lo spettatore in un’altra dimensione. Alexia, affermata fotografa dal taglio fashion e illustrativo, appassionata dell’estetica seicentesca e settecentesca, ha definito “epica” questa sua ultima avventura creativa, intitolata Frozen Tale. Racconti d’inverno, tra le mura di un castello incantato, ispirandosi alle luci, le suggestioni, i costumi e gli ambienti di un’epoca lontana, conosciuta attraverso le tele di celebri pittori eurolpei, uno su tutti Jan Vermeer.

Come nel caso di questo Cabinets of Curiosity, in cui una fascinosa dama dalle argentee chiome si muove nello studiolo del principe o dello scienziato, sbirciando tra canocchiali, ibri, mappamondi, carte geografiche. Ma quanto tempo e quanti passaggi per arrivare a quella seducente immagine finale? Dai preparativi per l’allestimento fino al set, passando per la postproduzione digitale, ci sono ore e ore di lavoro e di passione. Condensate qui, in questo breve documentario, che svela tutti in segreti del backstage.

Helga Marsala

CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è giornalista, critico d'arte contemporanea e curatore. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Oggi membro dello staff di direzione di Artribune, è responsabile di Artribune Television. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanee. È stata curatore nel 2009 dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico di SACS nel 2013, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura progetti espositivi presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali, specificamente delle ultime generazioni.