Servizio di Federica Polidoro

Giornata 3 all’insegna del rapporto genitori figli, dai conflitti della madre interpretata da Berenice Bejo nel film in competizione di Asghar Farhadi, al giapponese Tale padre, tale figlio di Kore-Eda Hirokazu. Alto gradimento per Valeria Golino nella sezione “Un Certain Regard” con il suo Miele (prodotto da Riccardo Scamarcio), superata però da Alain Guiraudie con L’inconnu du lac, un film insolito che si è meritato un lunghissimo applauso finale. Eros, sentimenti, inquietudine e trasgressione, su e giù per la Croisette.

CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è critico d'arte, giornalista, notista culturale e curatore. Insegna all'Accademia di Belle Arti di Roma. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Nel 2011 è nel gruppo che progetta e lancia la piattaforma Artribune, dove ancora oggi lavora come autore e membro dello staff di direzione. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanea. Scrive di arti visive, arte pubblica e arte urbana, politica, costume, comunicazione, attualità, moda, musica e linguaggi creativi contemporanei. È stata curatore dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura mostre e progetti presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali.