StudioVisit – Luca Trevisani
a cura di Alberto Mattia Martini
riprese: Alberto Mattia Martini e Andrea Cagno
montaggio: Andrea Cagno

“Luca Trevisani ascolta la voce della metamorfosi: immerso tra libri, musica, materiali di vario genere e opere in divenire, indaga e si concentra intorno alla transitorietà, al cambiamento e a ciò che evolvendo muta, dando forma a una nuova identità.
Quando lo raggiungo nel suo studio trovo opere ovunque, per terra, sui tavoli, appese al soffitto: tutto materiale a cui Luca lavora contemporaneamente. Una specie di grande laboratorio in cui sperimentare “una configurazione organica” delle cose, delle forme, degli elementi.
Luca Trevisani si rivela un ottimo compagno di conversazione. Nonostante i modi pacati e forse l’iniziale riservatezza mista a diffidenza, l’intervista converge in un intenso dialogo. Energia, numerosi progetti, un percorso di ricerca autorevole e sempre più apprezzato. L’occhio cade su una bici da corsa appoggiata alla parete, la stessa che accompagna Luca nelle lunghe pedalate sui navigli o tra le campagne nei dintorni di Milano, dimenticando per qualche ora il frastuono della metropoli. Forse l’immagine migliore per rappresentare quel mix tra armonia e fermento, che è nei suoi modi ma anche e soprattutto nel lavoro…”

– A.M.M.

CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è giornalista, critico d'arte contemporanea e curatore. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Oggi membro dello staff di direzione di Artribune, è responsabile di Artribune Television. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanee. È stata curatore nel 2009 dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico di SACS nel 2013, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura progetti espositivi presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali, specificamente delle ultime generazioni.
  • Abraham

    Meglio tacere e passare da idioti che parlare e fugare ogni dubbio.

  • fra

    le domande e il tipologia di intervista sono pessime. Trevisani ha alzato di molto il tono. Bravo!

  • lara

    Bellissima idea!!
    Finalmente un modo interessante e intelligente per conoscere gli artisti….

  • Berny

    I like… Coraggiosa come proposta, non le solite interviste pesanti, ma una modalità critica più attuale…..

  • blaf

    pessimo pseudo scultore

  • elisabetta potthoff

    Nei suoi lavori Luca Trevisani indaga la soglia instabile tra il ‘non più’ e il ‘non ancora’ per cogliere il momento ineffabile della trasformazione dove gli oggetti vivono un loro precario equilibrio e lottano contro l’annullamento.