Ron Gorchov. Un giovane ottantenne da Thomas Brambilla

Galleria Thomas Brambilla, Bergamo – fino al 23 maggio 2015. Tavolozza decisa e supporti sagomati. Per creare una scena dall’enorme forza inclusiva. Direttamente da Chicago arriva il giovan Ron Gorchov, classe… 1930.

Ron Gorchov – Recent Works - veduta della mostra presso la Galleria Thomas Brambilla, Bergamo 2015
Ron Gorchov – Recent Works - veduta della mostra presso la Galleria Thomas Brambilla, Bergamo 2015

Per la sua prima personale in Italia, Ron Gorchov (Chicago, 1930) sbarca nella città orobica, nella galleria di Thomas Brambilla. In mostra tavole sagomate che superano la bidimensionalità del quadro innescano una tridimensionalità che accende una riflessione sulla materialità del vuoto. Come le sirene di Ulisse, le opere di Gorchov attirano l’osservatore verso di esse grazie alla forza magnetica e alla fisicità delle loro macchie di colore, per poi avviluppare il malcapitato nello spazio, seppur solo accennato, dalla loro forma concava. Grazie alla freschezza delle pennellate e all’immediatezza dei colori accesi, le tavole concentrano nel cuore del loro spazio assente una tensione inedita. Come buchi neri che inesorabilmente tutto attraggono, ma che dell’assenza di luce del colore nero non hanno proprio nulla. Un abbraccio maturo come l’artista, ma contemporaneo come i suoi lavori.

Maria Marzia Minelli

Bergamo // fino al 23 maggio 2015
Ron Gorchov – Recent Works
THOMAS BRAMBILLA
Via Casalino 23/25
035 247418
[email protected]
www.thomasbrambilla.com

MORE INFO:
http://www.artribune.com/dettaglio/evento/43252/ron-gorchov/

CONDIVIDI
Maria Marzia Minelli
Maria Marzia Minelli (Bergamo, 1985). Dopo essersi laureata in Architettura presso il Politecnico di Milano con un progetto di trasformazione di una cava dismessa in una scultura territoriale, decide di seguire la sua passione per l'arte contemporanea iscrivendosi al Luiss Master of Art, del quale è attualmente studentessa. Con l'obiettivo di nutrire il suo forte interesse per le relazioni che si possono instaurare tra arte e architettura, collabora con lo studio di Attilio Stocchi in occasione di Lucegugliavoce (2007) e, durante il periodo universitario, con l'Osservatorio Public Art coordinato da Emilio Fantin. Dall'aprile 2013 cura per il magazine Hestetika la rubrica Arte in città, dedicata all'arte pubblica.