Marco Neri in solo show, e un omaggio a Carlo Alfano. A Napoli, da Alfonso Artiaco

Galleria Alfonso Artiaco, Napoli – fino al 10 gennaio 2015. Il paesaggio urbano secondo Marco Neri, in una personale intitolata poeticamente “Marcobaleno”. E in una sala, l’omaggio – con una singola opera – a Carlo Alfano, scomparso nel 1990.

Carlo Alfano, Figura, 1987-88 - grafite, negativo, neon su alluminio, 3 pannelli per complessivi cm 200 x 450 - Courtesy Archivio Carlo Alfano, Galleria Alfonso Artiaco, Napoli - @ Archivio dell'Arte, Luciano Pedrini

Le sale della galleria Alfonso Artiaco sono il luogo di confronto tra due artisti: Carlo Alfano (Napoli, 1932-1990) e Marco Neri (Forlì, 1968; vive a Rimini). La mostra presenta nei primi ambienti le opere di Neri, in cui l’artista affronta a partire dal 2007 tematiche relative al paesaggio urbano, cantieri edili, piattaforme petrolifere, segmenti e prospetti architettonici, come in Visto d’ingresso o nei Giardini, dove gli elementi strutturali sono ridotti a una sintesi mentale, in linea con la propria ricerca di semplificazione formale e cromatica. In Retaggio Italiano la composizione pittorica si complica notevolmente, mediante la sovrapposizione di più piani, aprendo così la strada allo sfondamento bidimensionale. L’ultima sala invece ospita l’opera Figura del 1987-88 di Alfano, appartenente all’omonima serie, dove la rappresentazione è divisa in più pannelli e dove la rottura rivela diversi livelli di profondità.

Rosa Esmeralda Partucci

Napoli // fino al 10 gennaio 2015
Carlo Alfano
Marco Neri – Marcobaleno
ALFONSO ARTIACO
Piazzetta Nilo 7
081 4976072
[email protected]
www.alfonsoartiaco.com

MORE INFO:
http://www.artribune.com/dettaglio/evento/40193/carlo-alfano-marco-neri/

CONDIVIDI
Rosa Esmeralda Partucci
È nata ad Avellino nel 1990 e ha frequentato il corso di Laurea Triennale in Archeologia e Storia dell'Arte all'Università degli Studi di Napoli Federico II. Attualmente è in procinto di discutere la tesi in storia dell'arte contemporanea. Ha scritto articoli su testate locali per eventi e mostre organizzate da associazioni (es. Meridies) e altri istituti, quale l'Istituto per la Diffusione delle Scienze Naturali di Napoli. Nel novero dei suoi interessi, oltre all'arte, sono compresi la fotografia, la poesia, la letteratura e il nuoto. Continuerà gli studi magistrali in ambito contemporaneo e museografico.