La città come ricamo. Rebecca Agnes a Milano

Galleria Davide Gallo, Milano – fino al 31 gennaio 2015. La città perfetta? Un gioco dell’oca che serve a svolgere quattro funzioni: abitare, lavorare, divertirsi e circolare. Arazzi e disegni di Rebecca Agnes.

In Dys-functional Cities Rebecca Agnes (Pavia, 1978; vive a Milano e Berlino) ripercorre alcuni luoghi visitati lasciando affiorare, accanto alla loro bellezza, un grande bisogno d’ascolto. Come il viandante nella mappa, l’artista proietta sul piano il mondo che ha attraversato per restituirne visibile e invisibile: da Milano a Venezia, dal Mar Baltico al Mare del Nord, i disegni oscillano fra l’illustrazione di viaggio e l’elaborazione di codici figurativi. Mappe piene di storia svelano tensioni e regole, urbanistiche e politiche, che hanno investito quei luoghi. Anche gli strumenti progettuali sono analizzati e richiamati all’appello come limiti, meticolosi ma insufficienti per creare spazi di vita a misura d’uomo. Gli arazzi, che fanno da contrappunto ai disegni, sono riflessioni su approcci alternativi all’abitabilità. Sul primo sono ricamati gli insediamenti ideali iper-progettati dagli utopisti, sull’altro la città perfetta è tracciata come un gioco dell’oca.

Federica Bianconi

Milano // fino al 31 gennaio 2015
Rebecca Agnes – Dys-functional Cities
DAVIDE GALLO
Via Farini 6
339 1586117
[email protected]
www.davidegallo.net

MORE INFO:
http://www.artribune.com/dettaglio/evento/40718/rebecca-agnes-dys-functional-cities/



CONDIVIDI
Federica Bianconi
Federica Bianconi è architetto, curatore e critico d’arte. Si è laureata in Architettura presso lo IUAV di Venezia e ha frequentato il Master in Management per Curatori di Musei di Arte e Architettura Contemporanea presso il MACRO di Roma nel 2003. Nell'ambito del progetto formativo del Master ha collaborato con il Museo d’arte Contemporanea di Bologna, MAMbo. Ha lavorato presso studi di interior design e con aziende operative nell'ambito della comunicazione e dell'allestimento di spazi espositivi, museali e commerciali in Italia, Francia, Spagna e Inghilterra. In qualità di curatrice indipendente ha ideato e curato mostre personali e collettive. Scrive per le riviste Artribune, Impackt e Kultmagazine. Attualmente vive a Padova, dove lavora come curatrice indipendente e collabora con Cescot Veneto come consulente per la progettazione europea e la formazione finanziata dal fondo sociale europeo.