Il vivaio Ecal presenta i nuovi talenti della fotografia. Da Carla Sozzani

Galleria Sozzani, Milano – fino al 9 febbraio 2014. Quali sono i territori di ricerca dei fotografi di domani? La mostra itinerante “Ecal Photography”, vetrina dell’omonima scuola d’arte svizzera, approda in Lombardia con una selezione di lavori degli allievi.

Alexia Cayre, Berry Blossoms Blue, 2011

Dopo essere stata presentata alla Galleria Azzedine Alaïa di Parigi, la mostra collettiva Ecal Photography arriva a Milano, alla Galleria Sozzani. I lavori realizzati dagli studenti della prestigiosa scuola d’arte e design svizzera sono proposti in un allestimento firmato Adrien Rovero, che rimanda al carattere industriale e seriale della produzione di immagini fotografiche. Le immagini sono stampate su grandi bande di carta che corrono lungo i muri dello spazio espositivo, oppure si adagiano su supporti cilindrici che ricordano l’estetica delle rotative o del plotter. La selezione, operata dalla curatrice Nathalie Herschdorfer con il direttore della scuola Alexis Georgacopoulos e Milo Keller, fotografo e insegnante, visionando tutte le opere realizzate dagli allievi negli ultimi cinque anni, è certamente varia, per stile e tecniche. Digitale e analogico convivono serenamente, ritratti e nature morte affiancano collage ed esperimenti più arditi. I colori sono saturi, quasi pop, oppure cedono il passo al bianco e nero. Le opere esposte, e molte altre, sono raccolte in un catalogo pubblicato dall’editore tedesco Haatje Cantz.

Giulia Marani

Milano // fino al 9 febbraio 2014
Ecal Photography
a cura di Nathalie Herschdorfer con Alexis Georgacopoulos e Milo Keller
GALLERIA SOZZANI
Corso Como 10
02 653531
[email protected]
www.galleriacarlasozzani.org

CONDIVIDI
Giulia Marani
Classe 1983, genovese di nascita e di cuore. Dopo la laurea in comunicazione all’Università degli Studi di Milano, soccombe al fascino di Parigi, dove vive per sei anni, lavorando come ufficio stampa in ambito editoriale e nella redazione della rivista di architettura e design Architectures à vivre.