Vibrazioni pittoriche in declinazione belga

Galleria Annarumma, Napoli – fino al 10 gennaio 2014. Per la prima volta in Italia, l’artista belga Ellen De Meutter in una veste inedita. Per una pittura mentale e speculativa, ma senza abbandonare la figurazione.

Ellen De Meutter, Blush, 2013

La trasformazione avvenuta nella pittura di Ellen De Meutter (Merksen, 1981) testimonia una mutata consapevolezza riguardante il colore e la sua possibile messa in gioco in un contesto extra-pittorico. I prodotti di “drumming minds” e di “trembling hearts” sono vibrazioni che possono essere raffigurate ed espresse visivamente, sono processi che conducono a una scomposizione della pennellata e del singolo pensiero col fine di arrivare, con il procedimento inverso, a una ricostituzione composita di un complesso dinamismo umano, sensoriale e percettivo. Il percorso è soltanto una delle molteplici metafore individuabili; laddove il procedere, il soffermarsi, l’astrarsi dal contesto reale e il cadere si manifestano come esperienze dello spirito, capace di vagare e di prendere forme completamente autonome. La caduta stessa, in Falling, è un panorama speculativo in cui l’energia si irradia e si diffonde.

Arianna Apicella

Napoli // fino al 10 gennaio 2014
Ellen De Meutter – Drumming Minds, Trembling Hearts
ANNARUMMA
Via Carlo Poerio 98
081 0322317
[email protected]
www.annarumma.net

CONDIVIDI
Arianna Apicella
Arianna Apicella (Salerno, 1993) ha studiato presso il liceo classico Torquato Tasso. Attualmente è iscritta all’Università degli Studi di Napoli l’Orientale dove studia cinese e inglese. Appassionata alla letteratura e alle arti visive, ha sperimentato il disegno fumettistico, l’approccio al palcoscenico e alla scrittura.