Parole bruciate. Da Francesco Pantaleone a Milano

Da Bad New Business Gallery, spazio off milanese di Francesco Pantaleone, una sovrapposizione di tappeti e parole. È “Place/No Place” di Loredana Longo, in mostra fino all’11 maggio.

Loredana Longo, Place/No place - photo Marco Beck Peccoz - courtesy Francesco Pantaleone Arte Contemporanea, Palermo

Le parole che accendono le coscienze e gli animi vengono bruciate da Loredana Longo (Catania, 1967), che rischia davvero di scottarsi, mentre infiamma lettere di metallo piene di alcool e petrolio. L’artista estrapola dai discorsi dei potenti del pianeta frasi iconiche, dai toni esortativi e imperativi, che possono essere usate come slogan, e lascia segni di fuoco su tappeti persiani e cinesi. Sottratte al contesto originario, possono essere manipolate e prestarsi a interpretazioni diverse o opposte rispetto alle intenzioni di chi le ha pronunciate.

Un accumulo di trame di tessuto e di possibili significati e sottintesi che, marchiati, sono incancellabili. As long as necessary, Now is the time to act, Justice will be done. Al visitatore rimane la possibilità di scegliere se calpestarli, fisicamente e metaforicamente.

Marta Cereda

Milano // fino all’11 maggio 2013
Loredana Longo – Place/No Place
a cura di Francesco Pantaleone e Agata Polizzi
BAD NEW BUSINESS GALLERY
Via Formentini 4/6
02 89011962
[email protected]
www.fpac.it

CONDIVIDI
Marta Cereda
Marta Cereda (Busto Arsizio, 1986) è critica d’arte e curatrice. Dopo aver approfondito la gestione reticolare internazionale di musei regionali tra Stati Uniti e Francia, ha collaborato con musei, case d’asta e associazioni culturali milanesi. Dal 2011 scrive per Artribune.
  • Laura

    un ufficio postale egiziano :)

  • Angelov

    Anglo-maniacs Only?