Sottrazioni della pittura. Il vinile manipolato da Ajit Chauhan

Fino a fine gennaio, da Annarumma di Napoli sono in mostra le manipolazioni pittoriche su vinile di un artista che viene dal Kansas. Cancellazioni e riscritture su un mezzo vintage ma con modalità d’avanguardia.

Ajit Chauhan - Funny Sunday

Ipnotici mandala contemporanei ed evanescenti ritratti appaiono sulle copertine di vecchi vinili. Il messaggio presente nella produzione di Ajit Chauhan (Kansas, 1981; vive a San Francisco) è riscontrabile già nell’oggetto adoperato e nella modalità di reinventarlo. Chauhan opera per sottrazione attraverso la raschiatura dell’immagine precedentemente raffigurata e procede restituendo una figura completamente nuova e rivalutata. Lo scorrere del tempo come la meditazione e il conseguente atto dell’artista rende tutto temporaneo e significativamente effimero.
La mostra presentata presso la Galleria Annarumma di Napoli analizza la profonda analisi dell’artista che interessa la reale essenza delle cose; una riflessione che coinvolge direttamente il vinile quale destinatario di sensazioni, ricordi, legami, scambi. L’impressione che nel cancellare si perda qualcosa di significativo viene così risolutamente confutata.

Arianna Apicella

Napoli // fino al 30 gennaio 2013
Ajit Chauhan – Clothing was temporary
ANNARUMMA
Via Carlo Poerio 98
081 0322317
[email protected]
www.annarumma.net

CONDIVIDI
Arianna Apicella
Arianna Apicella (Salerno, 1993) ha studiato presso il liceo classico Torquato Tasso. Attualmente è iscritta all’Università degli Studi di Napoli l’Orientale dove studia cinese e inglese. Appassionata alla letteratura e alle arti visive, ha sperimentato il disegno fumettistico, l’approccio al palcoscenico e alla scrittura.