La consapevolezza dell’apocalisse

Fiori morenti al centro della galleria Bianca Maria Rizzi & Matthias Ritter. Riscaldati da lampadine, esplicitano la lenta agonia della terra. Jernej Forbici se ne fa portavoce, con “Last Flowers”. A Milano, fino al 26 ottobre.

Jernej Forbici - What lies beneath - 2007

Nella zona intorno a Maribor, capitale europea della cultura nel 2012, i produttori di alluminio, smaltendone scorrettamente le scorie, hanno progressivamente contaminato la falda acquifera. Jernej Forbici (Maribor, 1980) è cresciuto proprio in questo territorio e ha assistito, impotente, alla distruzione dell’ecosistema. Ha deciso di reagire, denunciando con le sue tele lo sfacelo compiuto dall’uomo verso l’ambiente. Il suo impegno non pregiudica la qualità dei lavori. Con la maestria dei grandi paesaggisti, usando tonalità espressioniste, riesce, nel grande e nel piccolo formato, a delineare scenari che si rivelano apocalittici soltanto se osservati con attenzione. Con i colori della terra ritrae il pianeta che muore, non i responsabili, che sono, però, anche coloro che stanno a guardare, gli osservatori dell’opera stessa.

Marta Cereda

Milano // fino al 26 ottobre 2012
Jernej Forbici – Last Flowers
a cura di Fortunato D’Amico
BIANCA MARIA RIZZI & MATTHIAS RITTER
Via Cadolini 27
02 58314940
[email protected]
www.galleriabiancamariarizzi.com

 

CONDIVIDI
Marta Cereda
Marta Cereda (Busto Arsizio, 1986) è critica d’arte e curatrice. Dopo aver approfondito la gestione reticolare internazionale di musei regionali tra Stati Uniti e Francia, ha collaborato con musei, case d’asta e associazioni culturali milanesi. Dal 2011 scrive per Artribune.
  • Angelov

    Questi quadri ricordano un po’, ma visti sul web, quelli di Kiefer, che con l’aggiunta di un po’ di colore, innalzando la loro temperatura, conferisce loro anche del calore; e nonostante questo, sono definiti apocalittici.
    Quelli dell’artista tedesco, lo sono ancora di più, ma il loro spirito è più rivolto al passato, che al futuro.
    Forse vorrà dire che il peggio è ormai passato?
    Varrà la pena di vedere le due mostre, per fare una verifica.
    Cosa che non mancherò di fare.