L’altra metà di Newton

Milano, Galleria Carla Sozzani. Decine di scatti in bianco e nero rievocano un mondo già visto, ma sotto altri occhi. Alice Springs, pseudonimo di June Newton, mette in scena i ritratti di persone e personaggi incontrati in 40 anni di lavoro. Fino al 22 aprile.

Alice Springs – People - veduta della mostra presso la Galleria Carla Sozzani, Milano 2012

June Newton è nata nel 1923 a Melbourne. Nel 1970 sostituisce il marito (Helmut Newton) allora malato, scattando fotografie commerciali. Da questo momento comincia la sua carriera fotografica con lo pseudonimo di Alice Springs. In mostra a Milano, nella galleria di Corso Como 10, sotto il titolo riassuntivo People, sfilano decine di ritratti, di medie dimensioni, provenienti dalla Fondazione Newton di Berlino. Celebrità come Vivienne Westwood e Carlos Santana guardano dritto nell’occhio dell’obiettivo e fissano chiunque si avvicini. Modelle discinte occhieggiano, invece, alle atmosfere del più famoso Newton, tra luci marcate e pose ammorbidite. Così di nuovo, un fitto mondo di sfumature, di bianchi e neri, emerge, scalfendo l’apparenza della carta fotografica.

Ginevra Bria

Milano // fino al 22 aprile 2012
Alice Springs – People
GALLERIA CARLA SOZZANI
Corso Como 10
02 653531
[email protected]
www.carlasozzani.org

CONDIVIDI
Ginevra Bria
Ginevra Bria è critico d’arte e curatore di Isisuf – Istituto Internazionale di Studi sul Futurismo di Milano. E’ specializzata in arte contemporanea latinoamericana. In qualità di giornalista, in Italia, lavora come redattore di Artribune e Alfabeta2. Vive e lavora a Milano.