La terra, che burlona

Alla Robilant+Voena Gallery, l’ex enfant prodige presenta il nuovo progetto “Earth laughs in Flowers”, dedicato per la prima volta alla natura morta. Tre anni di lavoro, tre esposizioni in Europa nelle sedi della galleria, per conoscere un La Chapelle davvero insolito.

David LaChapelle - America Flower

La serie Earth laughs in Flowers, ideata nel 2008 e completata lo scorso anno, è un monito contro la vanagloria. Le stagioni scorrono attraverso le nature morte, tra le citazioni dei grandi del Seicento e gli archetipi della società contemporanea. Solo per la sede milanese, un calzante accostamento tra la serie di David LaChapelle e le opere moderne della collezione rende esplicita la riflessione sulla natura morta, donandogli un valore aggiunto.
La rilevanza di questo progetto è palese, ma non gli è stato concesso molto spazio. Sarà forse perché, nonostante il valore potenziale della mostra, i galleristi stessi sembrano poco interessati a pubblicizzare quello che sarebbe potuto essere un “evento”. Un atteggiamento che si fa manifesto con la poca attenzione all’accoglienza in galleria. E, anche, con la scarsa cura con cui è gestito tutto l’insieme. Peccato.

Rebecca Mombelli

Milano // fino al 24 marzo 2012
David LaChapelle – Earth laughs in Flowers
ROBILANT+VOENA
Via Fontana 16
02 8056179
[email protected]
www.robilantvoena.com

CONDIVIDI
Rebecca Mombelli
Rebecca Mombelli è nata a Milano nel 1988. Dopo la laurea triennale in Lettere Moderne a Pavia studia Storia dell'Arte a Milano. Da qualche anno collabora con portali d'arte (oltre Artribune, Teknemedia.net e sognoelektra.com) dove riesce ad approfondire il suo interesse per le arti e la passione per la scrittura.
  • M. C.

    Mi pare molto difficile che Robilant+Voena abbia mancato d’attenzione nei vostri confronti: l’evento su LaChapelle, per una galleria leader mondiale negli indiscutibili dipinti d’arte antica, è puramente funzionale e collaterale. Forse siete voi che di attenzione ne volete troppa. E ne date troppa alle cose sbagliate.

  • Javier

    Il fatto che Voena faccia fotografia contemporanea essendo un fior di antiquario è PROPRIO motivo di attenzione, altro che “cosa sbagliata”…

  • Claudia

    La cosa più interessante e stimolante è stato proprio l’accostamento: antico e moderno che convivono come sempre in unica location ..