Siamo uomini o animali?

Un mix di ritratti variopinti, in cui uomini e animali giocano a farsi reciprocamente il verso. È la doppia personale di Fabio Nicola Grosso e Concetta Giuga, in corso fino al 19 luglio negli spazi di Palazzo Platamone a Catania.

Concetta Giuga / Fabio Nicola Grosso - Uomini Bestie Uomini

Fabio Nicola Grosso e Concetta Giuga (quest’ultima al suo debutto) hanno messo a confronto i propri lavori, diversi per tecnica esecutiva e per soggetti, trovando in comune lo spunto per il tema della mostra Uomini Bestie Uomini. Quarantasette le opere esposte: dai ritratti di Grosso con uomini illustri, caratterizzati da una profonda essenza da superuomini, elevatisi alla stregua delle caratteristiche più animalesche, fino ai ritratti di animali affascinanti della Giuga, creature umanizzate o colte in atteggiamenti che poco hanno di naturale, rivestendo anche i divertissement degli uomini tecnologici. La mostra spinge a riflettere sul principio di grande affinità che esiste, tuttora, tra gli uomini e le bestie. Qui tanto vicini da confondersi.

Mario Bucolo

Catania // fino al 19 luglio 2011
Concetta Giuga / Fabio Nicola Grosso – Uomini Bestie Uomini
a cura di Alessia Giglio e Giovanfranco Di Giunta
www.animalerie.it

CONDIVIDI
Mario Bucolo
Mario Bucolo è fotografo professionista (awards winners come si dice di chi ha ricevuto premi e riconoscimenti internazionali), pur amando definirsi ‘artigiano dell’immagine’, specializzato in architettura, landscape, viaggi. Catanese, vive e lavora a Londra da alcuni anni. Ma Mario Bucolo è anche un esperto in marketing, comunicazione, visibilità e social media prevalentemente per i musei e per il settore cultura, lavorando e presentando studi nel settore sin dal 1991, anche nel ruolo di co-fondatore dell'iniziativa Europea 'Medici Framework' e di editore del portale mondiale sui musei. Nel 2008 ha contribuito, come guest author, all'ultimo libro di Philip e Neil Kotler sul marketing per i musei con un capitolo su "Musei ed E-communication". Nel 2010 è stato candidato alla presidenza di ICOM Italia. Prima ancora, dal 1984, è stato tra i pionieri europei delle applicazioni multimediali interattive (kiosk, Laser disc, Cd-Rom etc).