Memorie di un artista

Presente sulla scena dalla metà del secolo scorso a oggi, Ezio Gribaudo attraversa la storia con le sue opere e la sua collezione privata. A Lucca, fino al 28 agosto.

Ezio Gribaudo - Teatro della memoria - 2011

Lucca e Venezia 2011. Due eventi in contemporanea per Ezio Gribaudo (Torino, 1929), presente per la seconda volta in Laguna nel Padiglione Italia (alla Biennale c’era già stato nel 1966) e per la prima volta nelle sale del Lu.C.C.A Center for Contemporary Arts. Una vita dedicata all’arte, come editore, artista e collezionista; una personalità affabulatoria e magnetica. Il suo racconto esistenziale percorre le sale espositive come un filo di Arianna, colmo di sogni, aneddoti, riflessioni. Al primo piano, la ricostruzione espositiva della XXIII Biennale, con il candore dei Logogrifi, rilievi su carta buvard, bianco su bianco. Poi l’irrompere del colore nella serie Teatro della memoria. Ma la perla della mostra è all’ultimo piano: Viaggio a New York (1961) è un video inedito e sorprendente. Spaccati della metropoli americana in una serie di fotogrammi scuri; un bianco e nero cupo con innesti di cielo e di accese tonalità fulminanti.

Daniela Cresti

Lucca // fino al 28 agosto 2011
Ezio Gribaudo – Viaggi della memoria
a cura di Stefano Cecchetto e Maurizio Vanni
Catalogo Silvana Editoriale
www.luccamuseum.com

CONDIVIDI
Daniela Cresti
Daniela Cresti, nata a Grosseto nel 1950, è residente a Firenze. Laureata in scienze chimiche, fisiche e naturali presso l’Ateneo fiorentino. Nel 1974 inizia la sua attività lavorativa come insegnante continuativamente fino al 1992, anno in cui si occupa a tempo pieno di Arte Contemporanea. Nel 2001 comincia la collaborazione con la rivista ExibArt che continua ininterrottamente fino al 2011. Dal 2003 al 2008 collabora con la rivista cartacea SEGNO e cura (fino al 2006) le mostre della rassegna annuale Cotto ad Arte. Collabora come curatrice con la Galleria La Corte di Firenze. Nel 2011 inizia la collaborazione con Artribune. Attualmente collabora anche con la rivista iOVO.