Google presenta a Venezia il Grand Tour d’Italia. Viaggio virtuale tra le meraviglie del Belpaese

È ispirato alla memoria del Grand Tour secentesco il nuovo progetto lanciato dal colosso del web, che coniuga storia, tradizione e nuove tecnologie sulla piattaforma online Google Arts & Culture.

La presentazione del nuovo progetto di Google Arts & Culture
La presentazione del nuovo progetto di Google Arts & Culture

Martedì 16 maggio la Tesa 94 dell’Arsenale Nord di Venezia ha fatto da cornice al lancio del nuovo progetto messo a punto da Google, il Grand Tour d’Italia in formato digitale. Un vero e proprio viaggio alla scoperta del patrimonio artistico-culturale nostrano, realizzato in collaborazione con il Comitato Giovani della Commissione Nazionale Italiana per l’UNESCO, la Fondazione Musei Civici di Venezia, Accademia dei Fisiocritici, Consorzio per la Tutela del Palio di Siena, Outdoor Project e Teatro Massimo di Palermo. L’obiettivo è rendere fruibile al pubblico della Rete, attraverso le tecnologie Google e la realtà virtuale, capolavori, storie e tradizioni italiani. Questi ultimi sono disponibili sul sito dell’iniziativa e sulla piattaforma Google Arts & Culture, fondata e diretta da Amit Sood e creata dal Google Cultural Institute, che custodisce le raccolte digitalizzate di oltre mille musei internazionali.

DA VENEZIA A PALERMO IL GRAND TOUR

L’attuale versione del Grand Tour d’Italia raggiunge quattro città – Venezia, Siena, Roma e Palermo – restituendone bellezze, storia e curiosità – dai dettagli dei dipinti del Canaletto agli spettacoli pirotecnici del Redentore veneziano, dal Palio di Siena alla leggenda delle “statue parlanti” come quella di Pasquino a Roma fino al Castello della Zisa di Palermo. Il tutto ricorrendo a strumenti tecnologici targati Google quali Art Camera, la fotocamera sviluppata da Google Cultural Institute per dare vita a immagini di dipinti nella più alta risoluzione possibile, i visori 3D Cardboard e DayDream View, la app Earth VR e Tilt Brush, la app che consente di dipingere in tre dimensioni. Dal 19 al 21 maggio, Venezia sarà la prima delle quattro città a mostrare gratuitamente al pubblico gli sviluppi del progetto, grazie a una serie di installazioni interattive allestite nella Tesa dell’Arsenale. Non mancheranno workshop e incontri pensati per diffondere le competenze digitali, seguendo il fil rouge del progetto: l’accessibilità.

Arianna Testino

www.google.com/culturalinstitute/beta/?hl=it

CONDIVIDI
Arianna Testino
Arianna Testino è nata nel 1983. Ha studiato storia dell’arte medievale-moderna a Bologna e si è specializzata nelle arti contemporanee a Venezia. Appassionata di scrittura e curatela, è interessata all'approfondimento e all'ideazione di attività artistiche a carattere pubblico e sociale.