500mila euro da Regione Lazio per promuovere il territorio con teatro musica e danza

Le iniziative candidate al bando avranno l’obiettivo di valorizzare i beni culturali del Lazio, attraverso eventi di spettacoli dal vivo in 6 ambiti territoriali: dal Parco archeologico di Vulci a Villa Adriana a Tivoli.

Maritime theatre, Villa Adriana, ph Marie Lan Nguyen, fonte wikipedia

Puntare a valorizzare il patrimonio artistico, architettonico, archeologico, monumentale e storico laziale, favorendone le occasioni di aggregazione sul territorio, attraverso teatro, musica, danza. È questo l’obiettivo del nuovo bando lanciato dalla Regione Lazio per stanziare 500mila euro destinati ad attività di spettacolo dal vivo, in un territorio caratterizzato da una particolare vocazione culturale, come quello dell’intero sistema regionale, che costituisce il 70% delle imprese culturali nazionali. “Con questo nuovo avviso pubblico vogliamo fornire una nuova occasione di valorizzazione del nostro territorio e del suo immenso patrimonio”, commenta il Presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti. “Attraverso il finanziamento di spettacoli dal vivo di musica, danza e teatro potremo contribuire a migliorare la vita culturale delle comunità locali coinvolte e, allo stesso tempo, stimolare sempre più il pubblico esterno a visitare alcuni dei luoghi più affascinanti del nostro territorio”.

500 MILA EURO PER EVENTI DI RICHIAMO

Così, dopo aver sostenuto progetti di spettacolo dal vivo nei comuni del Lazio colpiti dagli eventi sismici del 2016, da realizzare con risorse Mibac, la Regione torna nuovamente a finanziare con la stessa cifra di 500mila euro eventi di richiamo per fruitori esterni, ma anche quelle attività in grado di animare la vita culturale e sociale delle comunità locali. Questa volta, però, da realizzarsi in sei ambiti territoriali diversi e di valore storico-artistico da valorizzare: Città d’Etruria (necropoli etrusche di Cerveteri-Tarquinia, Parco archeologico di Vulci, siti di Pirgy e di Veio), Ville di Tivoli (centro storico, Villa Adriana, Villa D’Este, Villa Gregoriana e Santuario di Ercole vincitore), Città di Fondazione (ovvero i territori individuati dalla Legge regionale 2001 n.27), Cammini della spiritualità (tratti laziali della Via Francigena, del Cammino di Francesco e del Cammino di San Benedetto), Sistema di Ostia Antica e Fiumicino e Sistema della Via Appia Antica. Il tutto un po’ sul modello Tivoli Chiama! – Il Festival delle Arti, rassegna culturale per la valorizzazione del patrimonio storico-artistico e paesaggistico attraverso lo spettacolo dal vivo, nata nel 2015 grazie a un bando del Mibac, al quale il Comune di Tivoli ha partecipato con un progetto che si è posizionato al terzo posto in graduatoria.

IL CASO VILLA ADRIANA

Una manifestazione conclusasi con successo lo scorso 4 agosto in spazi in cui paesaggio, tradizione e arte rappresentano un unicum, straordinario e irripetibile e che saranno di nuovo al centro di questo bando. “Ritengo che le sedi selezionate, il Santuario di Ercole Vincitore e Villa Adriana, rappresentino delle quinte scenografiche eccezionali uniche al mondo”, ha sottolineato il Direttore Andrea Bruciati, “che evidenziano e supportano in maniera straordinaria il lavoro degli artisti, conferendo ad ogni appuntamento in programma una nota distintiva unica, indelebile nella memoria del pubblico e degli stessi operatori“. Entro il 17 settembre 2018 enti locali, enti di gestione delle aree naturali protette e organi ed istituti del Mibac operanti negli ambiti territoriali corrispondenti alle aree individuate dal bando potranno, così, presentare domanda in forma singola o associata. Le attività ammesse a contributo dovranno essere realizzate entro il 31 luglio 2019.

– Claudia Giraud

http://www.regione.lazio.it/rl_cultura/?vw=newsDettaglio&id=402

http://jobs.artribune.com/competitions/avviso-pubblico-per-il-sostegno-a-progetti-di-valorizzazione-del-patrimonio-culturale-attraverso-lo-spettacolo-dal-vivo-nella-regione-lazio/2748.php

 

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Claudia Giraud
Nata a Torino, è laureata in storia dell’arte contemporanea presso il Dams di Torino, con una tesi sulla contaminazione culturale nella produzione pittorica degli anni '50 di Piero Ruggeri. Giornalista pubblicista, iscritta all’Albo dal 2006, svolge attività giornalistica per testate multimediali e cartacee di settore. Dal 2011 fa parte dello Staff di Direzione di Artribune (www.artribune.com ), è responsabile dell'area Musica e cura, per il magazine cartaceo, la rubrica musicale "Art Music". E’ stata Caporedattore Eventi presso Exibart (www.exibart.com). Ha maturato esperienze professionali nell'ambito della comunicazione (Ufficio stampa "Castello di Rivoli", "Palazzo Bricherasio", "Emanuela Bernascone") ed in particolare ha lavorato come addetto stampa presso la società di consulenza per l'arte contemporanea "Cantiere48" di Torino. Ha svolto attività di redazione quali coordinamento editoriale, realizzazione e relativa impaginazione degli articoli per l’agenzia di stampa specializzata in italiani all’estero “News Italia Press” di Torino. Ha scritto articoli e approfondimenti per diverse testate specializzate e non (SkyArte, Gambero Rosso, Art Weekly Report e Art Report di Monte dei Paschi di Siena, Exibart, Teknemedia, Graphicus, Espoarte, Corriere dell’Arte, La Piazza, Pagina).