Vera Lutter

Napoli - 27/10/2011 : 10/12/2011

La galleria Alfonso Artiaco apre la nuova stagione espositiva con la prima mostra di Vera Lutter negli spazi di piazza dei Martiri. L’artista tedesca (ma residente a New York dal 1993) utilizza la camera oscura per produrre le sue monumentali fotografie in bianco e nero di paesaggi urbani.

Informazioni

  • Luogo: GALLERIA ALFONSO ARTIACO
  • Indirizzo: Piazzetta Nilo 7 80134 - Napoli - Campania
  • Quando: dal 27/10/2011 - al 10/12/2011
  • Vernissage: 27/10/2011 ore 19.30
  • Generi: arte contemporanea, personale
  • Orari: da lunedì a sabato 10.00-13.30/16.00-20.00
  • Email: info@alfonsoartiaco.com

Comunicato stampa

La galleria Alfonso Artiaco è lieta di annunciare l’inaugurazione della mostra personale di Vera Lutter giovedì 27 ottobre 2011 alle ore 19.30, alla presenza dell’artista.


La galleria Alfonso Artiaco apre la nuova stagione espositiva con la prima mostra di Vera Lutter negli spazi di piazza dei Martiri. L’artista tedesca (ma residente a New York dal 1993) utilizza la camera oscura, dispositivo svlippato nel Rinascimento per la documentazione del mondo visibile, per produrre le sue monumentali fotografie in bianco e nero di paesaggi urbani

“Tutte le immagini sono rese con la tecnica della camera oscura in cui una grande sala sostituisce la macchina fotografica. L'immagine è fatta direttamente su carta fotografica e conservata nella sua origine di negativo. Di conseguenza, ogni immagine è un pezzo unico che non può essere modificato o moltiplicato”. (V.L.)

“La mia prima mostra personale con la Galleria Alfonso Artiaco sarà composta da due temi chiave che ho continuato ad esplorare nel mio lavoro negli ultimi 15 anni. Uno indaga l'architettura metropolitana e il modo in cui il mondo artificiale influisce sulla nostra vita all'interno delle città. L'altro tema esplora un aspetto di transizione, di viaggio e spostameto.
Le opere architettoniche in mostra, guardano il mutevole paesaggio urbano di New York [...] Il mio primo lavoro su New York è uno sguardo in lontananza dello skyline della città nel 1994, seguito da un lavoro del 2005 che documenta un quartiere recentemente devoluto all’architettura aziendale con ampie vetrine di negozi, falsa salvaguardia del preesistente e un grande lato vuoto per il passeggio. L’ultima fotografia, in questo corpo di lavori, appartiene al mio recente progetto in corso: 333 West 39th Street a New York City, nel quale osservo la perdita della vista dal mio studio dove ho abitato per più di 14 anni. In più di sette mesi, ho fatto sette immagini di grandi dimensioni del sito in cambiamento per documentare la perdita di luce e spazio visivo, data dal nuovo grattacielo eretto. [...]
L'utilizzo dell’architettura come mezzo (la macchina fotografica è una stanza) ed oggetto (l'ambiente urbano) testimonia un'indagine concettuale all'interno. Il processo permette anche un intimo ingresso del mondo lontano nella privacy della mia macchina fotografica di grandi dimensioni, che abito durante ogni esposizione.
Le immagini di trasferimento e viaggio: 30th Street Philadelphia, Rheinbraun e Studio XXX continuano ad esaminare il rapporto tra macchina fotografica, il soggetto e la luce. Trasporto, trasferimento o spostamento, tutto impiegato nell'idea di spostamento di merce o di persone da un luogo all'altro. Naturalmente, molti veicoli diversi sono utilizzati in questo processo. Tra loro ci sono i treni che corrono per 30th Street Station a Philadelphia e gli aerei imposti sui nostri cieli. Entrambe le entità hanno bisogno di energia generata dalla macchina di estrazione di Rheinbraun.
Il mio obiettivo è quello di attirare l'attenzione sulle analogie tra la nave vuota che concepisce il carico per il trasferimento logistico e l'interno vuoto oscuro dello spazio della camera che consente la trasformazione della luce in immagine. (Vera Lutter, settembre 2011, New York)

Vera Lutter è nata a Kaiserslautern, in Germania, nel 1960. Da quando ha completato i suoi studi fotografici, alla Monaco Art Academy ed alla School of Visual Arts di New York City, il suo lavoro è stato esposto in importanti musei internazionali, tra cui la Kunsthalle di Basilea, il Centro Dia for the Arts, New York, ed il Whitney Museum of American Art di New York.