Christian Caliandro

Christian Caliandro

Twitter: @chriscaliandro

Profile: Christian Caliandro, storico dell’arte contemporanea, è docente presso l'Università IULM di Milano, per cui tiene il corso di "Media e narrative urbane". Ha pubblicato La trasformazione delle immagini. L’inizio del postmoderno tra arte, cinema e teoria, 1977-1983 (Mondadori Electa 2008) e, con Pier Luigi Sacco, Italia Reloaded. Ripartire con la cultura (Il Mulino 2011). Collabora regolarmente con “Artribune” (per cui dirige le rubriche Inpratica e di cinema), con "minima&moralia", “alfabeta2”, "doppiozero", ed è opinionista del portale di "Tiscali". Nel 2013 pubblica per i tipi di Bompiani, "Italia Revolution. Rinascere con la cultura", all'interno della collana Agone diretta da Antonio Scurati.

Tutti gli articoli di Christian Caliandro

Mercato di Piazza Foroni, Barriera di Milano, Torino

Overground (IV). A passeggio sul confine

Stare nei ranghi, essere nostalgici verso un passato concluso, non criticare e non discutere. E se invece uno degli antidoti alle piccole e grandi ingiustizie…

Commenta
Francis Picabia, Edtaonisl (Ecclesiastic), 1913

Overground (III). Essere sempre da un’altra parte

Temuti e ostracizzati dall’epoca presente, l’imprevisto, l’inatteso e l’incertezza possono diventare validi strumenti per vivere il cambiamento come opportunità e non come minaccia. Accettare di…

Commenta
Biff Tannen in Ritorno al Futuro-Parte II (Robert Zemeckis 1989)

Donald Trump. Una vittoria predetta

Mentre il mondo dell’arte e della cultura occidentale si esercita in alti lai, e sui social network impazzano le interpretazioni rigorosamente ex-post della vittoria del…

Commenta
Francesco Borromini, Sant'Ivo alla Sapienza, Roma - lanterna

Overground (II). Accumulazione e semplicità

In un’epoca come quella contemporanea, se il nulla fa spazio al vuoto, forse il terreno delle illusioni può sgretolarsi, lasciando scorgere un barlume di realtà….

Commenta
Franti

Arte e consumo. Questioni di libertà

Su cosa si concentra, oggi, l’attenzione del mondo dell’arte? Display, seduzione estetica e forma sembrano essere le parole d’ordine alla base di mostre e rassegne….

Commenta
Overground cyberpunk

Overground (I). Superficie e visibilità

Inaugura il primo capitolo di un nuovo ciclo di riflessioni firmate da Christian Caliandro. Sotto la lente la dimensione dell’overground e la dialettica tra ciò…

Commenta
Alessandro Bulgini, Opera Viva - Parrucchiere e lacrimogeni, Jungle, Calais, 2016

Where the streets have no name (V). Futuro-presente

Nuovo capitolo della rubrica ispirata a uno storico brano degli U2. Fra terre di confine e confini invisibili, il presente scorre verso il futuro, esigendo…

Commenta
Alessandro Bulgini e Gian Maria Tosatti, La Manica, Calais, luglio 2016

Where the streets have no name (IV). La fine della terra

Prendendo spunto dagli interventi di Gian Maria Tosatti e Alessandro Bulgini a Calais, Christian Caliandro avvia una nuova riflessione sul concetto di confine e su…

Commenta
Gian Maria Tosatti, Histoire et destin-New Men's Land (Flag), 2016

Where the streets have no name (III). Interferenze e intervalli

In risposta a un conformismo culturale diffuso, che considera il coraggio e l’audacia una follia poco produttiva, coltivare il vuoto, l’intervallo e l’interferenza può trasformarsi…

Commenta
Alessandro Bulgini, Opera Viva Italia, Jungle Calais, 2016

Where the streets have no name (II). Abitare il crollo

In un’epoca come quella attuale, fatta di precarietà e terreni instabili, una soluzione possibile è vivere il crollo, abitarlo e renderlo proprio. Per sconfiggere la…

Commenta
U2, The Joshua Tree (1987) - photo Anton Corbijn

Where the streets have no name (I). Migrazioni e conoscenza

Prende il via il nuovo ciclo di saggi firmati da Christian Caliandro. Stavolta il titolo si ispira a quello di un famoso brano degli U2…

Commenta
Mario Schifano, Umano non umano

Arte all’avanguardia. Il film di Mario Schifano

La pellicola “Umano non umano”, firmata dall’artista negli Anni Sessanta, è tornata a nuova vita grazie al meticoloso intervento di RaroVideo, inducendo a una riflessione…

Commenta
Allegra Martin, SS 111, 2015 - OIGO-The Third Island, PlanarBooks

Cespiti (X). La trappola della simulazione

L’ultimo capitolo della serie “Cespiti” riannoda i fili di una retorica sempre più contemporanea, quella della simulazione. Apparente antidoto al timore del fallimento….

Commenta
William Blake, Whirlwind of Lovers - illustrazione per la Divina Commedia

Cespiti (IX). La serenità oltre il fallimento

Esiste una sfumatura di serenità irripetibile, quella che sopraggiunge dopo il fallimento, quando tutto diventa possibile perché il punto di ripartenza è lo zero. Un’“oltre…

Commenta
Alberto Burri, Grande Cretto, 1984-89, Gibellina

Cespiti (VIII). L’Apocalisse a velocità variabile

Dai giovani alle architetture dei nostri paesi, tutto sembra essere assorbito da un’atmosfera cristallizzata, in cui ogni cosa resta immobile. Proprio quando il cambiamento potrebbe…

Commenta
Capodacqua di Arquata del Tronto - photo Ilaria Angeletti

Dopo il terremoto. Omaggio a Capodacqua di Arquata del Tronto

Capodacqua di Arquata del Tronto, tra le frazioni duramente colpite dal terremoto del 24 agosto, è uno dei paesi che fino a poco tempo fa…

Commenta
Francesco Borromini, San Carlo alle Quattro Fontane, 1634-44 - cupola

Cespiti (VII). Don’t touch me

Due scene romane, fra San Carlo alle Quattro Fontane e la fermata Barberini della metropolitana, a simboleggiare il contrasto fra due civiltà. Che non sono…

Commenta
Ryan Coogler, Creed (2016)

Creed: il risveglio di Rocky Balboa

“Eh no, l’ennesimo episodio della saga di Rocky Balboa proprio non voglio vederlo”. In molti se le sono ripetuto, e hanno disertato le sale cinematografiche che davano “Creed”. Ma è stato un errore di valutazione. Ecco perché, secondo il nostro Christian Caliandro….

Commenta
Zanbagh Lotfi - photo Claire Adams

Critica come fraternità (XI): Zanbagh Lotfi

Si allunga l’elenco degli artisti che fanno parte della serie “Critica come fraternità”. L’undicesimo artista arriva dall’Iran con una serie pittorica da urlo. Che vi…

Commenta
Guercino, Ritratto del legale Francesco Righetti, 1626-28

Le stanze segrete di Vittorio Sgarbi. In omaggio alla madre

Palazzo Campana, Osimo – fino al 30 ottobre 2016. Vittorio Sgarbi omaggia la madre – grande e raffinata collezionista – con una bella mostra che attraversa secoli di storia dell’arte italiana. Da Lorenzo Lotto al Guercino, da Artemisia…

Commenta
Judy Chicago, The Dinner Party, 1974-79

Cespiti (VI). L’oscuro realismo

Vi siete mai chiesti perché tutti i negozi cinesi di piazza Vittorio, a Roma, hanno le pareti interne ricoperte dagli stessi moduli? Sono listelli bianchi…

Commenta
Pagina 1 di 15
12345...10...Ultima »