Segui il sole. Los Angeles presenta il logo per le Olimpiadi 2024: a realizzarlo creativi legati all’arte contemporanea. E intanto a Roma fermi a 30 anni fa

Print pagePDF pageEmail page

Il logo olimpico di Los Angeles 2024

Los Angeles torna a far parlare di sé con il logo della candidatura alle Olimpiadi del 2024. A realizzarlo sono, in un lavoro congiunto, la 72andSunny, agenzia di design che ha sviluppato campagne pubblicitarie in tutto il mondo, e la Bruce Mau Design. Questi ultimi con una frequentazione piuttosto attiva nel mondo dell’arte contemporanea, tanto da aver progettato l’identità di luoghi ed occasioni del contemporaneo: dall’Ullens Center for Contemporary Art di Pechino all’Harvard University Graduate School of Design, dalla Design Competition Survey & Conference di New York dal Premio Pulitzer per le arti fino all’Art Gallery dell’Ontario, per citare solo alcuni dei lavori nel nostro settore che il gruppo di creativi di Toronto ha realizzato nel tempo.

E che oggi lancia, insieme al colleghi della 72andSunny, un logo multicolore con un angelo avvolto nella luce, in riferimento al nome della città che ospiterà i giochi, che nelle intenzioni degli ideatori simboleggia i sogni degli atleti che partecipano alla competizione a cinque cerchi. Il claim, naturalmente, è follow the sun, segui il sole. A voi piace? Diteci la vostra. Certo siamo anni luce distanti dall’approccio di Roma, altra città candidata per i Giochi, che qualche giorno fa ha presentato un dossier di candidatura la cui grafica sembra giunta a noi direttamente dagli anni Novanta…

Santa Nastro

http://www.brucemaudesign.com/

Prima di commentare, consulta le nostre norme per la community
  • ndc

    Molto deludente. Banale abbinare un malamente stilizzato angelo alla città.

    • Caterina Porcellini

      Intorno al trentesimo secondo del video si intravede la griglia su cui si appoggia la generazione del logo: ecco, definirlo “malamente stilizzato” mi sembra un giudizio “malamente concepito”. :) Poi, si può apprezzarlo o meno, ma è piuttosto percepibile che alla base ha uno studio proporzionale e stilistico molto strutturato.

      • ndc

        e la sua risposta al quesito posto dall’articolo quale è? Il dito indica la luna. :)